Mangiare miele: ecco tutti i benefici per il nostro corpo

Ecco perché è importante inserire il miele all’interno della nostra alimentazione.

Cosa è il miele? Il miele è una sostanza zuccherina che viene prodotta dalle Apis Mellifere, che raccolgono il nettare dei fiori e poi lo trasformano. Esistono quasi 300 tipi di miele differenti al mondo proprio per la diversità di nettare prelevato dalle api. I composti principali del miele sono: carboidrati, proteine, vitamine, aminoacidi, minerali e acidi organici. Inoltre il miele grezzo è caratterizzato anche da polifenoli, flavonoidi, alcaloidi, glicosidi e composti volatili.

Miele

Tutti questi componenti rendono il miele un alimento molto importante per la nostra dieta. Secondo alcuni studi infatti questa sostanza ha degli effetti antiossidanti, antimicrobici, antinfiammatori, antiproliferativi, antitumorali e antimetastatici. Il modo più efficace di godere di tutti i benefici di questo alimento è consumarlo allo stato grezzo, quindi senza essere stato sottoposto a lavorazioni industriali. Questi processi infatti determinano la perdita delle sostanze nutritive più utili per il nostro organismo.

Adesso valutiamo in maniera più approfondita i principali benefici dovuti all’introduzione del miele nella nostra dieta.

EFFETTO ANTIOSSIDANTE

La percentuale elevata di antiossidanti contenuti nel miele aiuta il nostro organismo ad attaccare i radicali liberi prima che agiscano in maniera negativa, causando danni e malattie. Inoltre permettono il rallentamento del processo di invecchiamento verso cui il nostro corpo va incontro. Queste proprietà antiossidanti sono legati al colore del miele, quindi più la tonalità tende allo scuro, più alto è il suo effetto antiossidante.

Leggi anche: Jet Lag, cos’è e quali disturbi causa.

Miele scuro

ATTIVITÀ ANTIMICROBICA

Diversi studi hanno evidenziato che, grazie alla presenza di perossido di idrogeno nel miele, questo contrasta la riproduzione batterica. Sembra infatti che abbia una funzione inibitoria nei confronti di circa 60 tipologie di batteri. Ad esempio, la varietà di miele Manuka ha una funzione antibatterica molto efficace, soprattutto contro la proliferazione di Escherichia coli e Staphylococcus aureus.

PROPRIETÀ ANTINFIAMMATORIE

I composti fenolici e flavonoidi conferiscono al miele una forte proprietà antinfiammatoria che facilita di conseguenza la guarigione dei tessuti danneggiati. Lo zucchero contenuto nel miele, il nigeroligosaccaride, potenzia e aumenta la risposta del sistema immunitario.

LEGGI ANCHE: Castagne, come cucinarle: quattro (buonissime) ricette autunnali