Manifesti con la Madonna con l’aureola LGBT: arrestata una donna

È accaduto in Polonia.

Una donna è stata arrestata con l’accusa di aver oltraggiato il sentimento religioso dopo che a Płock, cittadina della Polonia centrale, sono apparsi i manifesti con un’immagine della Vergine Maria e la sua aureola dipinta con i colori della bandiera arcobaleno.

Il ministro degli interni polacco, Joachim Brudziński, ha annunciato su Twitter che una persona è stata arrestata per “aver compiuto una profanazione della Vergine Maria di Czestochowa“.

Una portavoce della polizia di Płock ha confermato che una donna di 51 anni è finita in manette: al ritorno da un viaggio all’estero, la responsabile ha ricevuto in casa la ‘visita’ della Polizia che ha trovato diverse dozzine di immagini della Vergine Maria con l’aureola color arcobaleno.

La Madonna nera di Czestochowa è un’icona bizantina venerata che risiede nel monastero di Jasna Góra, il santuario cattolico più sacro della Polonia.

Per il codice penale polacco l’offesa ai sentimenti religiosi è un crimine e, se condannata, la donna potrebbe rischiare di essere reclusa fino a due anni.

Il ministro Brudziński, che ha descritto i manifesti come “barbarie culturali“, ha detto: “Raccontare storie di libertà e ‘tolleranza’ non dà a nessuno il diritto di offendere i sentimenti dei credenti“.

Leggi anche: “Papa Francesco a Loreto: ‘La famiglia è quella formata da uomo e donna’“.

Seguici anche su News Republic. Scarica l’APP, è gratis: