Manuel Bortuzzo da Fazio: “La lesione midollare non è stata totale”

Le parole del nuotatore triestino a Che tempo che fa, il programma di Raidue.

Manuel Bortuzzo, il nuotatore triestino vittima di una sparatoria alla periferia di Roma nel febbraio 2019 che gli ha provocato una lesione midollare, è stato ospite di Che Tempo che fa, il programma condotto da Fabio Fazio su Rai 2.

Bortuzzo, 20 anni, ha detto che “la lesione midollare non è completa. Una notizia pazzesca, come tutto quello che ho fatto in questi nove mesi e ho sempre voluto tenere per me. Quando si parla di cose di cui non si è sicuri, con la medicina è sempre meglio andarci con calma“.

Leggi anche: Ricky Martin papà per la quarta volta: è nato Renn.

Dal 5 novembre sarà in libreria il libro del giovane dal titolo ‘Rinascere’: “ho voluto annotare tutti i miei progressi, i miei miglioramenti“, ha detto Bortuzzo, svelando di essersi dato un tempo entro il quale tornare a camminare: dieci anni.

Il giovane atleta, nato a Trieste nel 1999, ha poi affermato che “mio padre mi sostiene nella vita e mi sostiene anche in piedi“, commentando una foto condivisa su Instagram dove Bortuzzo è aiutato dal padre a stare in piedi.

Da Vocecontrocorrente.it: Luigi Di Maio sulla tassa sulla plastica: “È un dovere pensare alle future generazioni”.

Fazio ha risposto così al ragazzo: “È probabile che con grande tenacia tu ce la possa fare a tornare a camminare“. “Quello che sto facendo, niente di più, niente di meno“, ha concluso Manuel.

Di recente Manuel Bortuzzo al Corriere della Sera ha detto: “Spero di aver fatto capire che il destino si può battere, e che se non si può fare una cosa, se ne possono fare altre 100mila”.

Bortuzzo si allena nel Centro Federale di Ostia.

Da SaluteLab: Fumare troppo può causare la comparsa delle rughe, lo dice uno studio.