Marina Giulia Cavalli dalla D’Urso: “Parlo con mia figlia morta”

Ospite di Barbara D’Urso, l’attrice ha raccontato di essere in contatto con la figlia morta grazie alla tecnica della scrittura automatica.

Maria Giulia Cavalli e la figlia

A ‘Live – Non è la D’Urso si è parlato anche di comunicazione con i defunti, e in particolare della scrittura automatica. In studio c’era Stefania, la moglie di Franco Gatti dei Ricchi e Poveri che grazie a questa pratica è in contatto con Alessio, il figlio scomparso a causa di un incidente stradale.

Quando canalizzo mio figlio – ha raccontato – di solito è di notte. Ogni tanto mi giro dall’altra parte, poi avverto questa forza irrefrenabile che mi spinge ad alzarmi dal letto. Quando scrivo non sono cosciente. Adesso gli incontri si stanno diradando perché mio figlio in un messaggio mi ha scritto che avrei potuto cominciare a camminare con le mie gambe. Ho cominciato a fare scrittura automatica da molto prima che lui morisse. Sono circa 30 anni che tratto questi argomenti”.

A darle man forte, dopo il duro attacco in studio di Paolo Brosio (“La dottrina cattolica esclude la comunicazione con la scrittura automatica. È un fenomeno che sfiora l’esoterismo” ha detto), è arrivata Marina Giulia Cavalli.

L’attrice di ‘Un posto al sole’ ha perso una figlia di 21 anni per una leucemia e grazie alla scrittura automatica è riuscita a mettersi in contatto con lei.

Ci sono persone – ha detto – che hanno il dono di continuare ad avere una comunicazione con loro. Stefania non è riuscita a finire di parlare. Ha cominciato a sentire il figlio e adesso sta aiutando tante altre mamme. Non si parla di raggiri, lei dedica il suo tempo agli altri. Ho cercato una psicoterapeuta che facesse regressione alle vite precedenti. Quando sono andata da lei, mi ha consigliato di provare la scrittura automatica. Per 8 mesi ho avuto l’immensa gioia di parlare di nuovo con Arianna. Dopo un periodo questa scrittura si è fermata e ho incontrato Stefania”.

Leggi anche: Stefania Sandrelli sul marito morto: “Mi dispiace”

Da SaluteLab: Sanguinamento rettale: 7 cause comuni.