Cronaca Social

Marocchina massacrata di botte e uccisa durante festino

Fermati due connazionali.

Una donna di 34 anni, Zeneb Badid, 34 anni, di origine marocchina, è stata massacrata di botte e uccisa a Gallura, in Sardegna.

Probabilmente l’omicidio è avvenuto durante un festino a base di droga e alcol in una casa sulle colline di Baia Sardinia, vicino ad Arzachena (Sassari).

La donna era stata ricoverata in gravi condizioni ieri – martedì 24 luglio – nell’ospedale Giovanni Paolo II di Olbia, dov’è morta la notte scorsa in seguito alle lesioni subite.

I Carabinieri hanno fermato Jalal Hassissou, 40 anni, e Soufyan El Khedar, 36 anni, per omicidio, entrambi di origine marocchina, come la vittima.

Entrambi gli uomini sono residenti in Sardegna, nella stessa zona dove viveva la 34enne.

Sarebbe stato un pugno in pieno viso a stordire inizialmente la donna. Poi ancora violenza: calci, pugni e la testa sbattuta con violenza contro il water e il lavandino del bagno. Sino a ridurla in fin di vita“, così si legge su Il Fatto Quotidiano.

I carabinieri sono a lavoro per ricostruire la dinamica del pestaggio.