Mascherine all’aperto nel Lazio, Codacons fa ricorso e Sgarbi lo firma

Il Codacons contro la decisione della Regione Lazio di imporre l’uso della mascherina all’aperto.

Vittorio Sgarbi
Vittorio Sgarbi

Il Codacons contro la decisione della Regione Lazio di imporre l’uso della mascherina all’aperto per contenere la diffusione del coronavirus, visto che il numero dei contagi è in aumento.

«Le mascherine sono uno strumento indispensabile nella battaglia al Covid, ed è fondamentale usarle in tutte quelle situazioni in cui esista il pericolo di contagio e sia impossibile rispettare le distanze sociali. Ma se lo Stato non è in grado di imporre il rispetto delle disposizioni anti-Covid e svolgere adeguati controlli sanzionando i trasgressori (si pensi ai luoghi della movida), non è pensabile scaricare le inefficienze della P.A. sui cittadini, imponendo l‘obbligo indiscriminato di indossare la mascherina sempre, quando ci si trova all’aperto, anche se si è da soli in un bosco o in una strada deserta».

Il Codacons ha, quindi, annunciato il ricorso collettivo al Tar del Lazio contro l’ordinanza varata dalla Regione governata da Nicola Zingaretti. Primo firmatari del ricorso è stato il critico d’arte e politico  Vittorio Sgarbi, che ha dato la sua adesione all’iniziativa legale dell’associazione.

Foto di Juraj Varga da Pixabay

LEGGI ANCHE: Coronavirus, i primi segnali d’allarme che possono indicare la comparsa della malattia.

Il presidente Carlo Rienzi ha spiegato: «Siamo favorevoli all’uso delle mascherine e a tutte quelle misure in grado di limitare i contagi, ma ordinanze che obbligano a indossare Dpi anche quando si è da soli rappresentano una inaccettabile limitazione alle libertà personali dell’individuo. Così come abbiamo fatto annullare con ricorso al Tar l’obbligo vaccinale per gli over 65 nel Lazio, allo stesso modo il Codacons otterrà l’annullamento dell’ordinanza che impone di indossare sempre e comunque la mascherina all’aperto».

Secondo il Codacons, infatti, si tratta «di un provvedimento che, in assenza di una legge del Parlamento che regoli tali limitazioni, è destinato a cadere dinanzi al Tar, poiché discriminatorio e in violazione delle libertà personali dei cittadini. Ribadiamo l’importanza sia delle vaccinazioni per determinate categorie di utenti, sia della mascherina anti-Covid, ma i cittadini sono contrari a obblighi generalizzati che non tengono conto del reale rischio contagio, e che al contrario rischiano di danneggiare la battaglia contro il coronavirus, determinando un rifiuto psicologico da parte degli italiani».

LEGGI ANCHE: Perché in Africa il coronavirus non si è diffuso come nel resto del mondo?