Massimo Cellino su Mario Balotelli: “È nero, sta lavorando per schiarirsi”

Il presidente del Brescia ha poi precisato quanto detto a margine dell’assemblea di Lega Serie A.

Massimo Cellino, il presidente del Brescia, a margine dell’assemblea di Lega Serie A in via Rosellini, rispondendo a una domanda su Mario Balotelli, ha detto: “Cosa succede con Balotelli? Che è nero, sta lavorando per schiarirsi ma ha tante difficoltà“.

L’ho preso perché lo consideravo un valore aggiunto, deve dare risposte sul campo, non sui social. Ma non è il capro espiatorio della difficile situazione del Brescia“.

La società lombarda ha provato a smorzare sul sito: le frasi erano “evidentemente una battuta a titolo di paradosso e palesemente fraintesa”. Il Brescia ha poi aggiunto: “La battuta di Cellino è stata rilasciata nel tentativo di sdrammatizzare un’esposizione mediatica eccessiva e con l’intento di proteggere il giocatore stesso“.

Cellino, in diretta all’emittente locale Teletutto, ha affermato: “La frase su Balotelli è stata strumentalizzata. Ho solo tentato di sdrammatizzare. Di battute ne faccio per tutti i giocatori”. E ancora: “Balotelli sta pagando il fatto di essere considerato Super Mario e con lui la squadra. Ha sottovalutato l’impegno perché non è abituato a lottare per la salvezza. Io non getto la spugna e non mando via nessuno, ma chi vuole andare via la porta è aperta” ha aggiunto Cellino.

LEGGI ANCHE: Cori razzisti contro Balotelli, parla il capo ultras dell’Hellas Verona.

Probabilmente se potessi tornare indietro chiederei a Balotelli se è davvero convinto di venire a Brescia – ha proseguito Cellino – La scelta è stata più azzardata rispetto a quello che si pensava. Dalla sua parte e dalla nostra“.

“Balotelli è più fragile di quanto pensiate. Sta sentendo un peso superiore rispetto a quello che aveva valutato all’inizio“, ha continuato il presidente del Brescia.

Cellino, infine, al termine dell’assemblea di Lega Serie A, ha detto: “Chi è che mi ha dato del razzista? Se scrivete tutte le cazzate che dico, non smettete più di scrivere. Io non mi devo mica discolpare di una cosa alla quale non credo. La cosa tragica sapete qual è? È che non sapete più che caz.. scrivere. ‘Se chiarisco faccio ancora più danni. Le persone per bene mi conoscono”.

LEGGI ANCHE: Ecco quali sono i nomi preferiti dai genitori italiani.