Massimo Giletti candidato a sindaco di Torino? La replica del conduttore

«Una carnevalata. Mi basta quel che faccio e la presidenza dell’azienda di famiglia»: ha dichiarato.

Massimo Giletti
Massimo Giletti, conduttore e giornalista

Avrebbe avuto Matteo Salvini a sostenerlo Massimo Giletti candidato a sindaco del capoluogo piemontese. Lo stesso che è stato tante volte ospite nel salotto di La7 di Non è l’Arena insieme a Riccardo Molinari.

Nessuna conferma, però, della soffiata proveniente da Roma: anzi arriva la smentita da parte del diretto interessato. Anche lo stesso Molinari ha fatto dichiarazioni che escludono una candidatura politica del conduttore e giornalista.

Matteo Salvini
Matteo Salvini

LEGGI ANCHE: Plexiglass o plexiglass? Chi ha ragione tra Azzolina e Salvini?

«Conosco Giletti perché mi capita di partecipare alla sua trasmissione, ma non abbiamo mai parlato di una candidatura a sindaco»: chiarisce il responsabile del partito in Piemonte. «Una notizia da Carnevale. Mi basta già quello che faccio e il ruolo di presidente nell’azienda di famiglia dopo la scomparsa di mio padre, e non vedo per me un futuro da sindaco»: dichiara Giletti.

Il profilo tracciato da Matteo Salvini un anno fa, però, combacia perfettamente con quello del presentatore di Non è l’Arena. Durante la campagna elettorale per le Regionali del 2019, infatti, aveva parlato di qualcuno che avrebbe lasciato campo libero agli alleati, Forza Italia e Fratelli d’Italia.

Non un politico – anche se gli aspiranti non mancano, dall’assessore regionale Fabrizio Ricca alla deputata Elena Maccanti – ma una figura civica che possa trovare un consenso trasversale e fare da collante.

Massimo Giletti candidato a sindaco di Torino? Pare di no. Tra i candidati c’è ancora l’imprenditore Paolo Damilano, già scontratosi contro Sergio Chiamparino alle Regionali. Licia Mattioli è un altro nome, imprenditrice che ha lottato contro Carlo Bonomi per la presidenza di Confindustria, dopo essere stata vice sia di Squinzi, che di Boccia.

Non c’è fretta, comunque: alle elezioni comunali manca ancora un anno. Il candidato civico è anche l’ideale per il centrosinistra o i giallorossi, anche se la Mole ha sollevato non poche polemiche ultimamente e potrebbe compromettere l’alleanza tra Pd e M5s. Il favorito è il rettore del Politecnico, Guido Saracco; ma anche da lui arriva una smentita, almeno per il momento.

LEGGI ANCHE: Asma grave, i pericoli di chi ne soffre.