TerzoWEB.com

Massimo Giletti: “Se non mi sono mai sposato c’è un perché”

Massimo Giletti
Massimo Giletti

Massimo Giletti ha svelato i ‘segreti’ della sua vita a Luca Telese per il quotidiano La Verità.

Innanzitutto, il conduttore piemontese ha raccontato di quando è comparsa la vocazione per il giornalismo e la TV: “Ero laureato in giurisprudenza con il massimo dei voti, la fabbrica mi piaceva (industria tessile della famiglia, n.d.r.) , ma quel giorno ho pensato: ‘Devo fare televisione’ Io non avevo la vocazione, non sognavo di fare il giornalista da ragazzo. Vivevo in questa bellissima provincia, studiavo, lavoravo. Guardavo la tv da spettatore. Ero appassionato di Mixer, quello degli anni d’oro, condotto da Giovanni Minoli. Il mio unico rapporto era che nelle sere in cui mi appassionavo a quei reportage pensavo: ‘Come mi piacerebbe girarli…“.

Detto fatto, Giletti approda in RAI proprio grazie a Minoli, anche se tra i due all’inizio c’è stata un’antipatia reciproca.

A proposito, invece, dell’addio alla RAI, Giletti ha raccontato che “non hanno avuto il coraggio di dirmelo fino alla fine. Speravano che con poco preavviso non trovassi un’alternativa. Sbagliavano“, dando la colpa per la chiusura dell’Arena al “compliceMario Orfeo mentre “il nome del mandante, che io so, non lo dico nemmeno sotto tortura“.

Infine, Giletti ha svelato il motivo per cui non si è mai sposato: “Nei rapporti, quando finisce la passione, non riesco a sostenere la routine. È un mio limite personale, lo riconosco, non mi piace fingermi quello che non sono […] Ho trovato solo una compagna nella mia storia personale a cui ho dato veramente tutto. E con cui sono fidanzato per la vita. La televisione“.