Massimo Lopez dalla Balivo: “Mai litigato con Tullio e Anna, ho detto io stop”

Il comico si è raccontato nel salotto di Vieni da Me. Ecco cosa ha detto.

Massimo Lopez a cuore aperto durante la puntata di oggi di ‘Vieni da me’. Nel salotto di Caterina Balivo, l’attore ha raccontato tanti aneddoti sconosciuti della sua vita sia artistica che privata. A partire dall’infanzia.

Ho avuto un rapporto un po’ complicato – ha detto – specie con i professori che, all’epoca, ogni tanto alzavano anche le mani per punirci o ci umiliavano. Il mio percorso è stato complicato, non ne ho nostalgia. Incamerando tutte queste vessazioni, un giorno, dopo l’ennesima bocciatura ho reagito. Sono entrato in classe e ho tirato una sedia contro una finestra. Ho fatto male solo a degli oggetti, non si fa, ma mi sono liberato”.

Poi ha ricordato il periodo magico del sodalizio artistico con Tullio Solenghi e Anna Marchesini.

È stato un incontro magico – ha raccontato – eravamo amici e anche sulla stessa lunghezza d’onda a livello artistico. L’incontro è stato con il doppiaggio, incontrai Anna e iniziavamo a ridere a fare gag. Il quartier generale è stato casa mia. Noi tutto quello che abbiamo scritto e preparato è stato creato sul divano di casa mia. Stavamo lì delle ore ogni giorno”.

E riguardo lo scioglimento del trio ha precisato: “Non abbiamo mai litigato. Sono stato io a dire di fermarci, ingenuamente mi sono accorto che dopo qualche anno tutti hanno fatto delle cose da soli. Sono un po’ pentito, ci saremmo potuti unire prima, ma è stato bene così perché è rimasta una forte amicizia e un forte legame fino alla fine”.

Infine Lopez ha raccontato anche di un momento non proprio bello della sua vita, ovvero quando ha rischiato di morire per un infarto.

Stavo recitando – ha ricordato il comico – quando ho sentito un indolenzimento e non capivo perché. Ho continuato a recitare. Mi sono dato tempo ancora un minuto perché ho capito che fosse una cosa cardiaca. Il tutto mentre facevo ridere il pubblico. Mi sono fermato e ho detto che non potevo andare avanti. Sono andato dietro le quinte e ho detto al mio collaboratore di chiamare un’ambulanza. Ero tranquillo, avevo capito perfettamente cosa stava capitando e che era un infarto. Sai quando hai paura prima di un evento e sei sempre terrorizzato? Poi quando accade passa la paura. Ho pensato di morire, mentre ero in ambulanza. Poi sono arrivato in ospedale ad Andria e questo medico, molto giovane, mi ha detto ‘sono molto motivato, mia moglie sta per partorire e se nasce ora lo chiameremo Massimo”.

Leggi anche: GF 16, il fidanzato di Francesca De Andrè si consola con la social influencer.

Seguici anche su Google News: