Matteo Salvini: “Disposto a farmi interrogare dalla magistratura”

Interrogasse me, non andasse a chiedere lumi a dei funzionari. Se questo magistrato vuole capire qualcosa deve evitare i passaggi intermedi. Visto che c’è questo presunto sequestratore, che per qualcuno sarei io, sono disponibile a farmi interrogare domani mattina“.

Così Matteo Salvini, intervistato a Zapping su Rai Radio 1, a proposito delle indagini del procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio, sulla vicenda dei 148 migranti bloccati a Catania a bordo della nave Diciotti.

Patronaggio sarà, infatti, domani a Roma per sentire alcuni funzionari del Viminale.

Anche un gruppo di Treviso ha denunciato Matteo Salvini per istigazione all’odio razziale, in base alla legge Mancino. Per i firmatari – come si apprende da Ansa.it – il reato si sarebbe consumato attraverso una serie di affermazioni pubbliche rese dal ministro – tra giugno e luglio – tra le quali citano: “per gli immigrati clandestini è finita la pacchia, preparatevi a fare le valigie, in maniera educata e tranquilla, ma se ne devono andare“.

Duro il commento del segretario del Partito Democratico, Maurizio Martina: “Chiedo al presidente del Consiglio di riferire immediatamente al Parlamento. La situazione è grave e drammatica […] Stiamo assistendo all’incapacità dell’Esecutivo di gestire una situazione contenuta, violando il diritto e le leggi e isolandosi sempre di più dal resto d’Europa“.