Matteo Salvini ha telefonato a Luigi Di Maio. Ecco perché

Di Maio - Salvini

Matteo Salvini, dopo avere ricevuto il mandato dai suoi alleati (Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni) ha telefonato a Luigi Di Maio per un primo contatto sulla presidenza delle Camere.

Stando a fonti della Lega, la conversazione telefonica tra il segretario leghista e il leader del M5S sarebbe stata franca e cordiale.

Su Facebook, Luigi Di Maio ha raccontato la telefonata:

“Poco dopo le ore 20 ho ricevuto una telefonata da Matteo Salvini. Mi fa piacere raccontarvi cosa ci siamo detti perché voglio che tutto avvenga nella massima trasparenza. Ho ricordato a Salvini che il MoVimento 5 Stelle è la prima forza politica del Paese, con il 32% dei voti, pari a quasi 11 milioni di italiani che ci hanno dato fiducia, e che alla Camera abbiamo il 36% dei deputati. Per noi questa volontà è sacrosanta e vogliamo che venga rispecchiata attraverso l’attribuzione al MoVimento della presidenza della Camera dei Deputati. Questo ci permetterà di portare avanti, a partire dall’Ufficio di Presidenza, la nostra battaglia per l’abolizione dei vitalizi e tanto altro. Così come Salvini ha riconosciuto il nostro straordinario risultato, anche io ho riconosciuto il successo elettorale ottenuto dalla Lega. Domani i nostri capigruppo Giulia Grillo e Danilo Toninelli si confronteranno anche con le altre forze politiche. L’interlocuzione sulle presidenze delle Camere, come abbiamo già detto, è slegata da ciò che riguarderà la formazione del governo. Ps: non è in programma nessun incontro”.

Salvini ha anche sentito il segretario reggente del Partito Democratico, Maurizio Martina, e il leader di LeU, Pietro Grasso (nonché presidente del Senato in carica). A entrambi Salvini ha espresso l’intento di rendere operativo il Parlamento al più presto.