Matteo Salvini nella bufera: tutta colpa di una ‘zingaraccia’

Ha sollevato un vespaio di polemiche il commento rilasciato dal Ministro a Skytg24. Ecco cosa è successo.

Matteo Salvini nella bufera. Il Ministro dell’Interno e leader del Carroccio è stato oggetto di pesanti critiche a causa di un commento fatto ieri in una intervista per Skytg24 e relativa al campo Rom di via Monte Bisbino, periferia nord di Milano. Ecco le parole incriminate.

Ma vi pare normale che ci sia una zingara di un campo rom abusivo a Milano, una zingaraccia che va a dire ‘Salvini dovrebbe avere un proiettile’? Preparati che arriva la ruspa, amica mia. Tu preparati che ad accogliere la ruspa, cara la mia zingara, poi vediamo“.

Il commento, che è comparso anche come tweet sull’account ufficiale del Ministro, ha sollevato un vespaio per il termine ‘zingaraccia’ soprattutto alla luce del fatto che il commento è stato fatto alla vigilia del 2 agosto, giorno in cui si commemora il genocidio di Rom e Sinti ad Auschwitz-Birkenau, avvenuto 75 anni fa.

A scagliarsi contro Salvini è stato anche l’esponente PD Roberto Giacchetti che ha twittato: “(Salvini) è ormai fuori controllo, non è tecnicamente in grado di controllarsi. Essendo il Ministro dell’Interno non è un problema da poco. Forse qualcuno dovrebbe iniziare a preoccuparsi prima che sia tardi“.

Immediata la replica del leghista.

Roba da matti. Il problema non è una zingara che minaccia di morte il Ministro dell’Interno – ha scritto il Ministro – vivendo in un campo Rom abusivo. Il problema per qualcuno è la parola ‘zingaraccia’. Io vado avanti, fino al raggiungimento dell’obiettivo zero campi Rom in Italia”.

Leggi anche: Lodo Guenzi contro la scritta: “Salvini Muori”.