Maurizio Costanzo: “Me ne frego: io esco anche con il Coronavirus”

Il giornalista, nonostante abbia superato i 75 anni, è fermamente intenzionato a non rimanere in casa.

Nel pieno dell’emergenza Coronavirus – situazione che le persone stanno affrontando in diversi modi, cercando, per fortuna spesso, di rimboccarsi le maniche per gestire una quotidianità del tutto nuova – Maurizio Costanzo ha rilasciato delle dichiarazioni scioccanti.

Ospite di Un Giorno da Pecora, trasmissione tra le più seguite di Rai Radio 1, il giornalista ha affermato che, nonostante la sua età considerata a rischio per quanto riguarda il contagio da Coronavirus (gli anziani sono tra le fasce più esposte), non ha intenzione di rimanere a casa.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, c’è il primo caso anche in Vaticano

“Me ne frego, esco anche con il Coronavirus”

“Me ne frego, io esco comunque anche se ho superato quell’età (i 75 anni, ndr). Faccio la mia vita di sempre”: queste le parole del consorte di Maria De Filippi nel corso del programma Un Giorno da Pecora. Maurizio Costanzo ha specificato anche il motivo di questa scelta. Rimanendo in casa, infatti, rischierebbe di rimbambirsi e ne uscirebbe peggio.

Il celebre giornalista ha specificato che, in ogni caso, sta attento a chi frequenta, non va in posti affollati e usa litri di Amuchina. “Non posso stare in casa a guardare la tv”: Costanzo è stato molto chiaro nel corso del suo intervento alla trasmissione condotta da Giorgio Lauro e Geppi Cucciari.

Il marito di Maria De Filippi, che ha compiuto da poco 81 anni, sembra essere poco propenso a seguire le indicazioni istituzionali utili al contenimento dei contagi da Coronavirus. Da un lato è possibile avvicinarsi a comprenderlo, in quanto questa emergenza ci sta richiedendo di modificare la nostra vita quotidiana come mai nei decenni passati era successo.

Dall’altro, invece, è impossibile non chiamare in causa il fatto che, mai come ora, è necessario mettere in primo piano un forte senso di responsabilità per affrontare questi giorni cruciali per la salute pubblica.

LEGGI ANCHE: Coronavirus: rinviato anche il referendum sul taglio dei parlamentari