Medaglia d’onore al padre di Vasco Rossi, deportato in Germania

La famiglia Rossi ha ringraziato gli italiani che hanno premiato Carlo Giovanni Rossi.

(VS) La famiglia Rossi ringrazia gli italiani che hanno premiato Carlo. «Ringrazio tutti quelli che hanno lavorato per questa onorificenza, ringrazio da parte mia e da parte di Vasco, mio figlio. Spero tanto che ‘Carlino’ da lassù veda questa bella festa».

Con queste parole in prefettura a Modena Novella Corsi, la madre 90enne di Vasco Rossi, ha commentato la consegna della medaglia d’Onore a suo marito Carlo Giovanni Rossi, detto ‘Carlino’, tra i soldati italiani deportati in Germania durante la Seconda Guerra Mondiale.

Nel campo di Dortmund Stalag, perché si rifiutò di combattere per i tedeschi, Carlo Giovanni Rossi restò dal settembre dal 1943 all’ottobre 1945. Morì nel 1979 a 56 anni.

d accompagnare, nel giorno della memoria, Novella Corsi da Zocca, Paese che ha dato i natali al rocker, è stato il figlio del Blasco, Luca. «È stato Vasco che ha voluto questo riconoscimento e l’estate scorsa abbiamo saputo che avrebbero dato la medaglia – ha detto Corsi – Vasco è stato molto contento, era molto affezionato al papà che non ha potuto vedere tutta la sua carriera».

LEGGI ANCHE: Cesare Cremonini: “Un mese fa ho perso mio padre”.

Carlo Giovanni Rossi

Anche il rocker di Zocca ha detto la sua : «Sono orgoglioso e fiero, e anche un po’ commosso per questo riconoscimento. È molto importante ricordare gli orrori, le sofferenze, le vite che sono state sacrificate per la libertà e per la democrazia, soprattutto in questi periodi nei quali le sirene autoritarie e demagogiche tornano a farsi sentire così forte per incantare le masse con i loro slogan facili».

E ancora: «Ricordiamo che libertà e democrazia sono state conquistate a prezzo di enormi sofferenze perché non vorrei che i miei figli dovessero rivedere cose così orribili. Meditate gente, state svegli e non fatevi incantare».

LEGGI ANCHE: Chi è Patrizia Vacondio, la moglie di Nek.

In questi giorni Vasco è protagonista indiretto in tante occasioni. Per esempio con 70 Sanremo – Storia fotografica del Festival della Canzone Italiana, a cura di John Vignola (Rai Libri), la Rai omaggia la manifestazione canora più longeva e amata attraverso un viaggio in oltre 200 immagini per ripercorrere, anno dopo anno, la storia della rassegna.

A introdurre ogni decade è una scheda ricca di momenti epici e di curiosità. Il volume, in vendita nelle librerie e negli store digitali dal 30 gennaio, è impreziosito dalle testimonianze appassionate di Renzo Arbore, Pippo Baudo, Vincenzo Mollica e Vasco Rossi, appunto. A firmare la prefazione è il direttore artistico di Sanremo 2020, Amadeus.

LEGGI ANCHE: Sanremo 2020, Stefano De Martino non ci sarà.