“Mia figlia down derisa in spiaggia”, lo sfogo del papà su Facebook

Il racconto di Luca Trapanese, assessore al Welfare del Comune di Napoli

“Qualche giorno fa ero al mare con Alba. Giocavamo alle giostre in spiaggia. Si eè avvicinato un bimbo e, senza minimi termini, mi ha detto che secondo la sua mamma Alba è malata e anche brutta. Sono rimasto di pietra, non sapevo nemmeno cosa rispondere, perché mia figlia non è malata e la sua disabilità non la invalida dell’essere una bambina felice, oltre ad essere oggettivamente bella”.

Questo lo sfogo pubblico di un papà su Facebook, non un papà qualunque, ma l’assessore al Welfare del Comune di Napoli Luca Trapanese, genitore adottivo di Alba, 5 anni, affetta da sindrome di Down.

Una testimonianza che diventa anche un messaggio di natura politica: “Bisognerebbe iniziare a ragionare sul bene comune, partire dall’idea che sono tutti figli nostri, nonostante le diversità, e che ognuno di loro ha diritto alla felicità e non al primato di migliore o di perfetto”.

“Quel bimbo – ha osservatoTrapanese – grazie alla sua mamma, rappresenta una parte della società ostile alla diversità, indifferente al dolore, incentrato sul raggiungimento di una perfezione che non esiste”.

LEGGI ANCHE: Fedez e il tumore: “Sono stato molto fortunato. L’esito dell’esame istologico”.