Miele senza api dalla Cina: “Prodotto contraffatto che crea concorrenza sleale”

Cia-Agricoltori Italiani lancia l’allarme.

Il miele senza api, che arriva dalla Cina, ha invaso il nostro Paese, creando non pochi danni all’economia e al lavoro di tanti imprenditori del settore. Per non fare emergere la contraffazione viene adulterato e miscelato con quello naturale. Il suo costo è poco più di un euro al chilo, contro i quasi quattro di quello italiano.

Cia-Agricoltori Italiani lancia così l’allarme: è un prodotto falso, ma difficile da rilevare durante i controlli alle frontiere. Questo fatto provoca una concorrenza sleale, che penalizza altamente l’apicoltura italiana e tutto il settore agricolo del nostro Paese.

Il miele senza api cinese è stato creato ad hoc, con l’aggiunta di sciroppo di zucchero e con metodologie di produzione non conformi alle norme europee. L’uomo, infatti, in questo caso, si sostituisce alle api in un processo di maturazione.

Ape che impollina fiore

LEGGI ANCHE: Gemelli uccisi a Lecco, telefonini fatti sparire dal padre

Si tratta di una produzione «artigianale» più rapida ed economica, che velocizza i processi di deumidificazione e maturazione che le api invece portano a termine in tempi molto più lunghi. Questo però ha degli effetti non indifferenti sulla genuinità del miele.

Ed è proprio per questa ragione che la flessione produttiva di miele, provocata dai cambiamenti atmosferici degli ultimi anni, ha avuto conseguenze a livello mondiale. L’Italia, per esempio, ha registrato una dimunuzione della produzione del 50% nel 2019; mentre in Cina aumenta anno dopo anno: un fatto quantomeno curioso.

Le esportazioni di miele senza api in Europa a prezzi concorrenziali sono di circa 80 mila tonnellate. I 63 mila apicoltori italiani – un comparto che conta 1,5 milioni di alveari, 220 mila sciami, 23 mila tonnellate di prodotto e oltre 60 varietà – ne stanno avendo un danno non indifferente.

Ripercussioni che non riguardano solo questo settore in particolare, ma tutta l’agricoltura italiana. Quest’ultima infatti dipende al 70 % dalle api, che hanno la funzione di impollinare i fiori: un processo che incide su diversi aspetti del delicato equilibrio naturale.