Milano. Si finge tassista e violenta una turista canadese

violenza sessuale

Altro caso di violenza sessuale in Italia.

Stavolta è avvenuto a Milano, dove la vittima è stata una turista canadese di 30 anni.

Lo stupro è accaduto domenica sera ad opera di uomo che si è spacciato come dipendente di una ditta di noleggio auto con conducente.

Come appreso da La Repubblica, l’incubo per la donna è cominciato in viale Monza, dove la donna è salita a bordo dell’auto per andare a Lampugnano e da lì prendere un pullman per dirigersi a Venezia.

Il finto conducente, però, l’ha portata in una zona periferica di Milano e lì l’ha violentata.

Terminata l’aggressione, la turista ha chiamato i soccorsi ed è stata portata alla Clinica Mangiagalli, dove è stato appurato che la donna ha subito la violenza sessuale.

Indagano i Carabinieri che stanno analizzando le immagini delle telecamere di sorveglianza: non si esclude che lo stupratore si sia reso protagonista in passato di altri episodi simili.

Possibile, infatti, che l’uomo in passato abbia usato la stessa tecnica ma che ci siano donne che, per paura, non hanno denunciato la violenza sessuale.