Minaccia di far esplodere il palazzo, arrestato a Roma

Attimi di tensione, stamane alle 4, a Roma, a Cinecittà.

Un uomo ha minacciato di fare esplodere un palazzo con due bombole contenenti GPL da 10 e 16 chilogrammi.

L’allarme è stato lanciato dalla madre dell’uomo, un 29enne tunisino, alcolista con problemi comportamentali.

La Polizia, giunta velocemente sul posto, insieme alla donna, ha provato ad entrare in casa.

Il giovane, però, non glielo ha permesso e ha minacciato che avrebbe innescato il gas aperto delle due bombole se non gli agenti non si fossero allontanati.

Per precauzione, gli agenti hanno evacuato il palazzo e hanno chiesto l’intervento dei Vigili del Fuoco per l’apertura della porta, bloccata dai mobili che il 29enne aveva messo dietro l’uscio e le finestre.

Una volta entrati, poliziotti e vigili si sono subito accorti dei livelli di gas al di là dei parametri di sicurezza e hanno trovato il giovane seduto su una sedia, accanto alle due bombole e con un accendino nella tasca dei pantaloni.

Il 29enne, una volta medicato, è stato arrestato.