Morte Avicii: ecco come si sarebbe suicidato

Diventa sempre più una certezza: Avicii si sarebbe tolto la vita. Questa volta l’ulteriore conferma arriva dal sito americano ‘Tmz’ che afferma che il giovane dj trovato morto lo scorso 20 aprile, si sarebbe suicidato con un pezzo di vetro.

“Le nostre fonti – si legge sul sito – ci hanno riferito che il pezzo di vetro usato gli ha provocato un massiccio sanguinamento. Due fonti ci hanno raccontato che Avicii ha rotto una bottiglia e ha usato il vetro per tagliarsi. La ferita gli è stata fatale“.

Non vi è conferma, invece, sulla modalità del gesto. Sempre secondo quanto si apprende da ‘Tmz’, c’è chi afferma che Avicii si sarebbe tagliato la gola e chi parla dei polsi.

Non possiamo confermarlo – afferma ‘Tmz’ – ma le nostre fonti erano al corrente di informazioni specifiche sulla morte di Avicii“.

Di suicidio si era già cominciato a parlare una settimana dopo la scomparsa del dj. I suoi familiari, infatti, avevano rilasciato una dichiarazione sibillina.

Tim era una fragile anima artistica in cerca di risposte esistenziali – avevano detto – un perfezionista estremo che lavorava e viaggiava a un ritmo talmente alto da avere uno stress enorme. Lottava con i suoi pensieri sul significato della vita, della felicità. Tim non era fatto per la macchina del business in cui si è ritrovato, era un ragazzo sensibile che amava i suoi fan ma schivava la luce dei riflettori. Tim sarai amato per sempre e ci mancherai. La persona che eri e la tua musica terranno viva la tua memoria”.