Morte George Floyd, la moglie di Derek Chauvin chiede il divorzio

Si dice «devastata» Kellie Chauvin, ed è vicina alla famiglia dell’uomo rimasto ucciso durante il fermo del 25 maggio.

chauvin e la moglie
Kellie e Derek Chauvin

Kellie Chauvin, moglie dell’ex agente di polizia di Minneapolis Derek Chauvin, ha affermato di voler divorziare dopo 10 anni di matrimonio. La morte di George Floyd, infatti, l’ha davvero scossa e non crede di poter perdonare un simile gesto all’uomo che ha sposato.

Derek Chauvin, arrestato dopo tre giorni dagli accadimenti che lo vedono accusato di omicidio di terzo grado e colposo, è stato incastrato da un video che lo mostra in ginocchio sul collo di un uomo di colore. Più tardi se ne conoscerà l’identità. Inizialmente si sa solo che chiede disperatamente di essere lasciato andare. Non riesce a respirare George Floyd.

George Floyd

LEGGI ANCHE: George Floyd ucciso dalla Polizia: i precedenti di Chauvin e Thao

Kellie Chauvin è nata nel Laos, durante un periodo di guerra, nel 1974. Tre anni dopo, la sua famiglia è scappata in Thailandia dove hanno vissuto in un campo profughi, secondo quanto si apprende dall’Associated Press.

George Floyd bloccato dal poliziotto
Uno screenshot dell’aggressione

LEGGI ANCHE: George Floyd, per l’autopsia non è morto per asfissia

Un avvocato dello studio Sekula Law Offices, che rappresenta la moglie del poliziotto che ha provocato la morte di un uomo di colore, ha diffuso una nota in cui ha dichiarato che la donna, ex regina di bellezza del Minnesota, e’ «devastata» dalla fine che è toccata a Floyd ed è per questa ragione che ha deciso di «sciogliere il suo matrimonio».

«Stasera ho parlato con Kellie Chauvin e la sua famiglia. È sconvolta dalla morte di George Floyd i suoi pensieri e la sua vicinanza vanno alla famiglia della vittima, sono rivolti ai suoi cari e a tutti coloro che soffrono per questa tragedia».

«Sebbene la signora Chauvin non abbia avuto figli dal suo attuale matrimonio, chiede sicurezza e privacy per i suoi bambini, i genitori e tutta la sua famiglia in questo momento difficile»: ha aggiunto l’avvocato.

LEGGI ANCHE: Covid-19: è possibile una seconda ondata?