Multe con l’autovelox: ecco quando possono essere annullate

Questa notizia farà felici molti automobilisti. È possibile far annullare le multe per eccesso di velocità comminate attraverso l’autovelox.

Questa novità è stata resa possibile da una recente sentenza, la numero 116/2018 del Giudice di Pace di Lodi.

L’automobilista, che era ricorso al Tribunale per far annullare ben due multe, non ha neanche dovuto faticare molto per convincere il giudice. Non ha neppure dovuto presentare chissà quali prove. Anzi, è stata l’altra parte in causa che ha perso perché non è riuscita a portare prove sufficienti.

Ma di quali prove stiamo parlando?

Per essere valida, una multa per eccesso di velocità deve essere fatta da un autovelox “tarato correttamente” in ogni suo singolo componente da un centro accreditato.

Nel caso specifico di Lodi, l’amministrazione coinvolta in Tribunale aveva presentato solo la documentazione del corretto sincronismo dell’orologio GPS, cioè “di uno solo dei componenti del complesso sistema di misurazione utilizzato dalle forze dell’ordine”.

Un documento che, tra l’altro, non poteva neanche essere considerato valido perché “non era stato rilasciato da un centro S.I.T. accreditato”.

E così, dal momento che non è stata prodotta altra documentazione, il Giudice ha annullato i verbali.