Muore 40enne in casa a Palermo, è risultata positiva al Coronavirus

Nel capoluogo siciliani sono stati registrati altri casi di Covid-19. La situazione

Photo by SJ Objio on Unsplash

A Palermo, ieri pomeriggio, 5 settembre, una donna di 40 è morta in casa, nella zona dell’ospedale Policlinico.

Ad allertare i soccorsi è stato un conoscente. Giunti sul posto, i sanitari non hanno potuto fare altro che constatare il decesso della donna. Intervenuti anche la polizia e il medico legale. La 40enne è poi risultata positiva al coronavirus.

L’Azienda Sanitaria Provinciale di Palermo, di conseguenza, sta effettuando gli interventi di contenimento e sta mettendo in isolamento quanti hanno avuto contatti con la donna.

Da BlogSicilia si apprende anche che la donna aveva la febbre da una settimana e che, quando sono arrivati i sanitari, era già in arresto cardiaco.

Photo by Bermix Studio on Unsplash

LEGGI ANCHE: Berlusconi ricoverato, il tampone aveva “una carica virale alta”

Nelle ultime ore sono stati registrati altri nuovi casi di Covid-19 nel capoluogo siciliano. Una donna, ricoverata nell’osservazione breve intensiva del pronto soccorso, è risultata positiva dopo due tamponi. La paziente aveva avuto un primo tampone negativo, ma i risultati della tac polmonare che avevano indicato una polmonite bilaterale hanno invitati i medici alla prudenza. Il secondo tampone, infatti, è risultato positivo.

Nella notte sono stati fatti uscire tutti i pazienti per sanificare i locali. Sono stati disposti i tamponi per tutto il personale che è venuto a contatto con la paziente. La donna è stata trasferita all’ospedale Cervello.

Infine, è risultato positivo anche un dipendente di AMAP, l’azienda che in città si occupa dell’acqua pubblica. Il dipendente ha funzioni di turnista al potabilizzatore in uscita dall’invaso dello Jato. Il risultato è stato comunicato all’azienda ieri sera. Il dipendente era risultato negativo al test sierologico ma avendo sintomi influenzali ha deciso di sottoporsi a tampone, che è risultato positivo.

LEGGI ANCHE: Come il coronavirus conquista una cellula umana