Muore a 96 anni e lascia 25 milioni di euro in beneficenza

È successo a Genova.

A Genova una donna è morta il 9 dicembre 2020 all’età di 96 anni. Ex professoressa di Lettere, ha lasciato in beneficenza circa 25 milioni di euro a 16 enti, tra cui gli ospedali Gaslini e Galliera.

La conferma è arrivata dallo stesso ospedale Galliera che ha ricevuto in dono anche la villa nella prestigiosa via Giordano Bruno dove abitava la donna. Altri circa 5 milioni andranno al Don Orione che riceverà anche gli arredi della stessa Villa.

All’Ospedale Galliera e Gaslini (che riceverà altri 5 milioni) ha chiesto di utilizzare il lascito non per la normale amministrazione e manutenzione ma per la ricerca e l’acquisto di apparecchiature necessarie per curare gli ammalati.

Altri 5 milioni sono stati devoluti all’Associazione italiana per la ricerca sul Cancro. Quasi altri 4 milioni (12/13) saranno ripartiti tra Amnesty International, Amici senza frontiere, Save the Children, Fondazione Don Carlo Gnocchi, Associazione italiana Amici di Roul Follereau, Lega del Filo d’oro, Suore missionarie della carità opera Madre Teresa di Calcutta, Piccole suore dei poveri, Fondazione Opera S. Francesco dei Poveri, Associazioni Missioni Don Bosco e Opera d’Assistenza ‘Progetto sorriso nel mondo’.

La donna, molto religiosa, ha anche scritto da sé il proprio necrologio lasciandolo in busta chiusa, con saluti pieni di affetto e gratitudine soprattutto verso i suoi adorati studenti.

LEGGI ANCHE: 11enne muore di freddo in casa, aveva visto la neve per la prima volta.