Muore in casa, trovano il cadavere 9 mesi dopo

Casa all’asta con morto. No, non è il titolo di una commedia grottesca sul genere di ‘Weekend con il morto’, ma la triste realtà. A Valli del Pasubio, in provincia di Vicenza, un uomo è morto nell’indifferenza generale, compresa quella della sua famiglia, e la scoperta è avvenuta soltanto per puro caso.

Lui si chiamava Walter Dal Zotto e aveva 42 anni. Sarebbe morto per un malore circa 9 mesi fa nella sua abitazione, ma il cadavere semimummificato è stato scoperto soltanto qualche giorno fa dall’ufficiale giudiziario che doveva visionare l’appartamento prima che venisse messo all’asta.

Sì, perché il signor Walter, a causa delle difficoltà economiche, non era più riuscito a pagare le rate del mutuo e la sua casa era finita all’asta per 27mila euro. Nonostante ciò, l’uomo aveva continuato a recarsi nell’abitazione di Valli del Pasubio tutti i giorni: il dolore per questa perdita era per lui molto grande.

E nessuno si è preoccupato quando Walter è scomparso. Non si sono allarmati i vicini di casa che non lo vedevano più entrare in quell’appartamento, non ci ha fatto caso il postino che per 9 mesi ha dovuto lasciare la posta sull’uscio di casa perché non riceveva risposta, non si sono preoccupati i familiari con cui ormai non aveva più rapporti da quando era morta la madre.

A scoprire che era morto è stato un ufficiale giudiziario. Un estraneo. Ma almeno Walter è spirato nel luogo che probabilmente amava più di ogni altra cosa o persona al mondo e dal quale non avrebbe mai voluto separarsi.