Nati gemelli durante la pandemia, sono stati chiamati Corona e Covid

I genitori vogliono ricordare che ce l’hanno fatta in un momento davvero difficile.

Corona e covid gemelli
Corona e covid gemelli

Sono due gemelli, nati nel bel mezzo dell’emergenza sanitaria che ha colpito tutto il mondo. La mamma e il papà hanno deciso, quindi, di chiamarli Corona e Covid. Per ricordare le difficoltà che sono riusciti a superare per fare in modo che venissero al mondo.

La coppia, originaria di Raipur, in India, ha anche dichiarato che potrebbero cambiare idea in futuro. «La nascita è avvenuta dopo aver affrontato diverse difficoltà e quindi io e mio marito abbiamo voluto rendere la giornata memorabile»: ha raccontato Preeti Verma.

Coronavirus India
Le forze dell’ordine, in India, controllano che vengano rispettate le misure di contenimento

LEGGI ANCHE: Coronavirus in Ecuador, un’ecatombe: cadaveri bruciati in strada (VIDEO)

Il Coronavirus è molto pericoloso, alcune volte letale, ma è anche vero che, soprattutto il determinate aree del pianeta, ha fatto sì che le persone si concentrassero di più sull’implementazione dei servizi igienico-sanitari; che imparassero l’importanza dell’igiene e di altre buone abitudini.

È per questo che i gemelli nati durante l’emergenza si chiamano Corona e Covid. «Quando anche lo staff dell’ospedale ha iniziato a chiamare i bambini così, abbiamo deciso di chiamarli con il nome della pandemia»: ha continuato la madre.

La donna è entrata in travaglio nella tarda notte del 26 marzo, così suo marito ha deciso di chiamare un’ambulanza e di usufruire di un servizio dedicato alle donne in gravidanza. La polizia, però, ha fermato più volte il mezzo di soccorso lungo il tragitto. Questo perché è stato imposto un blocco del traffico a livello nazionale.

I familiari, per la stessa ragione, non sono riusciti a raggiungere l’ospedale – il Dr BR Ambedkar Memorial Hospital -. Anche gli autobus e i treni non circolano più e gli spostamenti sono sempre più complessi anche per chi ha bisogno di cure mediche.

Corona e Covid, una femminuccia e un maschietto, sono nati 45 minuti dopo l’arrivo in ospedale: durante le prime ore del 27 marzo. I medici hanno optato per il cesareo, a causa delle complicazioni sopraggiunte durante il parto. Un portavoce della struttura sanitaria ha fatto sapere che i gemelli stanno bene.

Una notizia, questa, che riempie il cuore. La vita che nasce, che vince contro la morte nonostante tutto. Un messaggio di speranza per tutti quelli che stanno lottando contro un nemico invisibile. Possiamo farcela, se restiamo uniti negli intenti.

LEGGI ANCHE: Jeff Bezos, la donazione per combattere la fame.