Naufragio in Libia: si temono 90 morti

Naufragio di un barcone al largo delle coste della Libia.

I morti, stando a quanto appreso dall’Organizzazione Internazionale per i Migranti (OIM), potrebbero essere circa 90, visto che è davvero difficile che qualche disperso sia ancora vivo.

A bordo del natante c’erano soprattutto cittadini originari del Pakistan.

Dieci corpi (due libici e otto pakistani) sono stati rinvenuti su una spiaggia a Zuwara, a ovest di Tripoli.

Sono stati tre sopravvissuti, due dei quali hanno raggiunto la costa a nuoto e l’altro è stato recuperato da un peschereccio, a raccontare la strage.

Non ancora chiare le circostanze che hanno fatto capovolgere l’imbarcazione.

A gennaio, secondo l’OIM, sono state 246 le vittime in mare: 218 provenienti dalla Libia verso l’Italia e 28 verso la Spagna.

Si tratta del mese più “mortale” dal giugno 2017.

Nel mese di dicembre, ad esempio, i morti sono stati 23.