Nave israeliana colpita da un missile, il sospetto dell’Iran

La nave era in viaggio dalla Tanzania all’India. I dettagli

Una nave da carico israeliana è stata colpita da un missile nel Mar Arabico. Si sospetta che l’attacco sia partito dall’Iran. Lo scrive il Daily Mail.

La nave, stando a quanto riferito da una fonte della sicurezza in Israele, era in viaggio dalla Tanzania all’India quando è stata centrata. Nessuno è rimasto ferito e l’imbarcazione è stata danneggiata solo lievemente ed è stata in grado di continuare il suo tragitto verso la città di Mundra, sulla costa occidentale dell’India.

La nave battente bandiera della Liberia è di proprietà di XT Management, con sede nella città portuale israeliana di Haifa.

La società di sicurezza marittima Dryad Global ha affermato di sospettare, sebbene non ci siano conferme, che la nave coinvolta nel presunto attacco fosse la portacontainer MT LORI.

La stessa società ha riportato che la nave, metre era in rotta da Dar Es Salaam verso Mundra, si è fermata completamente ed è andata alla deriva per circa tre ore prima di continuare il suo viaggio all’incirca alla sua velocità originale.

L’incidente è avvenuto un mese dopo che il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha incolpato l’Iran per un’esplosione a bordo di una nave di proprietà israeliana nel Golfo di Oman.

Dror Eydar, ambasciatore di Israele in Italia, ospite a Tg2 Post, ha affermato: «Al momento non abbiamo informazioni esatte ma non sarei sorpreso se l’Iran fosse responsabile. Negli ultimi 40 anni l’Iran è diventato il pirata dell’intero mondo libero, non soltanto di Israele. È una minaccia per tutto il mondo, e soprattutto per l’Europa e per tutta la civiltà occidentale».

LEGGI ANCHE: Covid-19, primi due casi di variante newyorkese in Italia.