Negli USA è boom di vendite di marijuana. Dichiarato lo Stato di Emergenza

marijuana

In Nevada, Stati Uniti d’America, la vendita della marijuana per scopri ricreativi è stata approvata nel 2016 ed è diventata operativa l’1 giugno scorso.

E, nel giro di una settimana, non solo si sono registrate vendite per un totale di 3 milioni di dollari ma anche, dopo poco più di un mese, si stanno esaurendo le scorte, pur dovendo soddisfare moltissime prenotazioni.

marijuana

Per questo motivo, il governatore dello Stato ha approvato tre giorni fa, lunedì 10 luglio, la dichiarazione di stato di emergenza dopo che l’autorità fiscale statale ha dichiarato che molti negozi stanno esaurendo le provviste di marijuana.

La commissione fiscale del Nevada ha dichiarato, in una nota, di prendere in considerazione il regolamento dello stato di emergenza per mettere su una struttura per la distribuzione della marijuana ai rivenditori. Questo permetterebbe ai grossisti dei liquori di entrare nel settore della marijuana.

La questione della distribuzione è al centro di una lotta legale tra lo Stato e l’industria del liquore del Nevada.

Ciò perché l’autorità fiscale sostiene che la maggior parte dei grossisti di liquori che hanno presentato domanda per la distribuzione della marijuana non abbiano ancora i requisiti necessari per avere la concessione.

In un’e-mail inviata martedì scorso, l’ufficio del governatore del Nevada, Brian Sandoval, ha chiarito che uno stato di emergenza è riservato ai disastri naturali.

In questo caso, però, una tale dichiarazione consente di “rispondere prontamente a una situazione temporanea“.

 

Incredibile che si sta arrivando a tanto, vero?

Ecco, infine, un video che sintetizza bene la questione:

La cannabis in Nevada vale un milione di dollari

In Nevada la legalizzazione della cannabis ha portato un milione di dollari nelle casse dello Stato in un solo mese 💰

Pubblicato da Repubblica TV su Lunedì 10 luglio 2017