Nera di Irama è stata copiata? L’accusa delle Iene e la replica del cantante

Pesante accusa della trasmissione di Mediaset contro Irama.

Quante volte l’abbiamo cantata e ballata nel corso delle ultime due estati: Nera, come la tua schiena / Vestita da sera / Sciogliti i capelli, poi balla un po’ / Nera, come questa sera / Con la luna piena / Muoviti poi balla /Poi balla un po’. Una musica ripetitiva, ridondante.

E se fosse un plagio? Il suono.  Non il testo. D’alra parte si dice che «le note sono sette» (luogo comune che ha annoiato), però potrebbe capitare? O forse no?

Irama accusato di plagio. Il cantante (ri)lanciato da Amici è protagonista di un servizio de Le Iene del 15 dicembre. La redazione del programma ha ricevuto da un cantautore, Domenico Di Puorto, una mail nella quale il giovane sostiene di aver inviato alla ex agenzia di Irama, la Newco Management, un proprio brano, Fuori tutto brilla, pochi mesi prima della pubblicazione di Nera, hit dello stesso Irama che presenta grandi somiglianze con la canzone di Di Puorto.

Un perito musicale ha esaminato le due canzoni e ha sentenziato che «la figurazione musicale è quasi identica tale da conferire ai brani una somiglianza insindacabile». La iena Nicolò De Devitiis quindi fa incontrare i due cantanti.

LEGGI ANCHE: Che fine ha fatto Paolo Meneguzzi?

Irama, faccia a faccia con Domenico, pensa si tratti di uno schezo: «È uno scherzo, è palese. Non l’ho mai sentita, è palesemente uno scherzo, però non vi sta riuscendo. […] Ragazzi, state dando un messaggio sbagliato e pericoloso» dice, e poi dà un consiglio al giovane cantautore: «Ho avuto tante volte quando ero più piccolo l’occasione di attaccarmi ad una situazione o a un’altra e ho sempre rifiutato, perché devi farti il mazzo e impegnarti tanto e se tu ti impegni tanto e dai l’amore nella musica i risultati arrivano. Non ho mai sentito la tua canzone in tutta la mia vita e ti dico che nella musica è tanto importante farsi il mazzo, metterci amore. Non pensare mai a fare queste cavolate, pensa a metterci amore nella musica».

Successivamente su Instagram Irama pubblica uno scambio di mail che proverebbe come il suo brano sarebbe stato scritto nel 2017, quindi prima dell’invio del brano di Domenico all’agenzia. «Ho visto con molto dispiacere un servizio in cui un ragazzo sostiene di aver inviato un brano simile a Nera 3 mesi prima della pubblicazione al mio ex management, ovvero nel febbraio 2018. ‘Nera’ è stata scritta nel 2017, come dimostra questa email».

LEGGI ANCHE: Inviato delle Iene sequestrato nell’ambasciata della Costa d’Avorio.

E qui Irama pubblica uno screenshot con la sua difesa. Però lui parla di «scritta» e non musicata. Forse un errore di ingenuità? La verità è vche nel servizio Domenico era arrivato in pace e Irama ha scatenato una guerra, non chiedendo scusa (non deve farlo direttamente lui, ma il suo staff che gli ha fornito la canzone), ma offrendo il classico «piatto di riso» in forma di biglietto (tra l’altro singolo, un po’ di generosità tipo «a te e fidanzata» o «famiglia» non sarebbe stata male).

Tanti casi di questo tipo si ricordano nella storia. Il più noto è Al Bano contro Michael Jakson. Questa volta è il piccolo Domenico contro la grande casa discografica. E noi, se è vero, tifiamo per Davide contro Golia.

LEGGI ANCHE: 7 motivi per cui continui a svegliarti nel cuore della notte.