No alle nozze della figlia, acido contro il fidanzato

Non volevano che la figlia sposasse un uomo più grande di lui e così marito e moglie hanno ordinato un’aggressione con l’acidio ai danni del futuro genero di 48 anni.

Questa la grave accusa ai danni di una coppia di 45 e 54 anni, arrestata dai carabinieri di Poggibonsi, comune della provincia di Siena.

Sono in corso le indagini – coordinate dalla Procura della Repubblica di Torino per individuare gli autori materiali delle aggressioni, avvenute a San Gimigliano a febbraio (in questo caso l’uomo riuscì a proteggersi alzando un braccio) e nel capoluogo piemontese il 19 aprile.

La vittima è più grande di 27 anni della figlia.

Come si apprende da IlMessaggero.it, la persecuzione ai danni del genero sarebbe cominciata tre anni fa.

Il ‘suocero’, 54enne di origine calabrese, era già stato condannato per un omicidio in parte scontato in un carcere della provincia di Siena. La moglie, 45enne, separata, è originaria della Sicilia.

Alla coppia contestati vari reati: maltrattamenti in famiglia (anche nei confronti della figlia), ingiurie, minacce di morte e atti persecutori (i coniugi hanno pure scritto ‘pedofilo’ sull’auto del genero), nonché lesioni gravi.