Non andrà in onda la fiction sul ‘Modello Riace’, Mimmo Lucano: “Decisione politica”

Ecco come ha reagito l’ex sindaco di Riace alla decisione della Rai di non mandare in onda la fiction con Beppe Fiorello.

Non andrà in onda la fiction sul ‘modello Riace‘ già girata e terminata.

Lo ha confermato l’Ad di Rai, Fabrizio Salini, alla presentazione dei palinsesti autunnali.

Mimmo Lucano ha commentato così: “Non sono sorpreso, perché uno degli obiettivi era quello di impedire che il messaggio di Riace potesse avere un’eco importante sul piano mediatico“.

L’ex sindaco, sconfitto alle ultime europee dal candidato della Lega, ha aggiunto: “Quella fiction su Riace andava chiaramente contro tutto quello che si sta verificando intorno al fenomeno dell’immigrazione, avrebbe proiettato un messaggio contrario all’industria della paura e dell’educazione alla disumanità“.

Era la prima volta in cui, a livello mediatico, si proponeva la storia di una piccola comunità che era rinata ritrovando la sua identità storica, perché la Calabria significa Magna Graecia, è universalmente conosciuta come terra di accoglienza“, ha aggiunto Lucano.

Per l’ex sindaco di Riace “c’è un orientamento mediatico verso un teorema che la nostra esperienza a Riace invece disintegrava facendo prevalere l’umanità alla disumanità”, rimarcando che “mi sembra una decisione assolutamente politica […] Non ho sentito Beppe Fiorello o altri suoi collaboratori, presumo che siano molto amareggiati anche perché la fiction è stata l’occasione per creare rapporti umani che andavano oltre che si basavano su affinità e simili orientamenti, che vanno nella direzione di costruire mondi senza barriere“.

Leggi anche: Europee 2019, le vittorie simbolo: Lega primo partito a Lampedusa e Riace.