“Non indosso la mascherina”: si ammala e muore di Coronavirus

È quanto accaduto a Richard Rose, ex militare statunitense scomparso ad appena 37 anni

Richard Rose
Richard Rose, immagine tratta dal web

Una fine tragica, forse dovuta anche alle scarse accortezze adottate e prese in considerazione mentre il coronavirus si andava diffondendo in ogni parte del pianeta. Da scettico a vittima il passo è stato davvero breve, inesorabile: si ammala e muore di Coronavirus. Nel giro di pochi giorni la notizia della malattia, quindi il decesso. È morto così, ad appena 37 anni, Richard Rose, ex militare di Port Clinton.

Sin dall’inizio della pandemia, Rose ha manifestato l’intenzione di non indossare alcun tipo di mascherina. A fine aprile, l’uomo scriveva sui social che non avrebbe comprato «una c***o di mascherina. La pandemia è tutta una montatura, sono stanco di tutti questi spot sul Coronavirus, basta negatività».

Richard Rose
Richard Rose

LEGGI ANCHE: Primo vaccino anti-Covid dalla Russia? “Pronto già a metà agosto”

Eppure nel mese di giugno, lo scetticismo ha lasciato il posto alla paura: l’uomo è stato contagiato proprio dal Covid, senza sapere come sia potuto accadere. Il primo luglio, Richard Rose scrive su Facebook: «Sono stato molto male negli ultimi giorni. Ho i sintomi del Covid-19, mi hanno fatto il tampone. Presto avrò i risultati, voglio tornare a sentirmi bene».

Dopodiché la notizia della positività, condivisa sempre sui social: «Sono ufficialmente in quarantena per i prossimi 14 giorni, sono risultato positivo al Covid-19». Da quel momento, la situazione è andata diventando via via sempre più seria. Sempre su Facebook, Richard Rose scrive: «Questa m***a di Coronavirus fa schifo, sono qui seduto senza riuscire a respirare».

L’ultimo post risale al 3 luglio, dopodiché il graduale e inesorabile peggioramento sino alla tragica notizia: Richard Rose si ammala e muore di Coronavirus. Sul profilo Facebook dell’uomo in tanti hanno scritto ironizzando sui post precedenti, manifestando un cinismo difficile da accettare.

In realtà un fatto così tragico dovrebbe indurre a una riflessione e a non sottovalutare gli effetti del Covid, che continua a diffondersi e non smette di mietere vittime. Senza alcuna pietà. Senza alcuna intenzione di fermarsi

LEGGI ANCHE: Covid-19, Galli: “Tenere le persone sulle navi è un errore colossale”