“Non ti lascio sola”: aveva promesso alla madre, Mattia ha vinto contro il Coronavirus

Ha 18 anni ed è originario di Cremona.

Coronavirus vittoria
Coronavirus vittoria

«Non ti lascio sola»: aveva detto alla madre prima di entrare in coma farmacologico. Oggi Mattia è cosciente ed è stato estubato. Lo studente appena maggiorenne di Cremona è stato trovato positivo al Coronavirus e ha lottato con tutte le sue forze.

Prima di essere intubato, però, ha avuto un pensiero per la mamma, una promessa che è riuscito a mantenere. Ora che è sveglio, la donna ha potuto tirare un sospiro di sollievo: «Sono senza parole», non è riuscita a dire altro.

Coronavirus stop
Mattia è riuscito a vincere la propria battaglia contro il Coronavirus e a mantenere la promessa fatta alla madre

LEGGI ANCHE: Bambino di 6 settimane muore di Coronavirus negli Stati Uniti

«Non ti lascio sola», l’ultimo pensiero alla madre prima di entrare in coma farmacologico. Mattia oggi è vigile e sotto osservazione. Ha mantenuto la sua promessa. Potrebbe già essere trasferito in reparto dalla terapia intensiva, ma intanto ha rivisto la madre attraverso una videochiamata.

«Tra poco mi intubano. Stai tranquilla, non ti lascio sola. Ti amo, mamma, lotterò per te »: aveva scritto il 18enne di Cremona su WhatsApp poche ore dopo il ricovero. Poi è arrivato il silenzio assordante e l’attesa interminabile. Fino alla buona notizia: due giorni fa, il 31 marzo, con il supporto del personale sanitario, ha chiamato mamma Ombretta.

«Sono senza parole, la notizia più bella è arrivata. Dall’ospedale mi hanno detto che mio figlio è diventato il figlio di tutti. Mi aveva fatto una promessa, quella che non mi avrebbe lasciato sola, e l’ha rispettata»: ha detto durante un’intervista al Corriere della Sera.

Mattia Coronavirus
Il messaggio degli amici a Mattia

LEGGI ANCHE: Coronavirus nel Bergamasco: 4500 decessi in un mese

Arrivano gli auguri più sentiti anche dai professori e dai compagni di Mattia, attraverso il dirigente scolastico: «È un simbolo di questa emergenza, il ragazzo più giovane colpito dal virus che ha lottato con la morte per riuscire a riprendersi», ha dichiarato.