Norma Willy nel Decreto Sicurezza: in cosa consiste e quando sarà in vigore

La norma sarà contenuta nel Decreto Sicurezza.

Alfonso Bonafede e Luciana Lamorgese si preparano a introdurre nel Decreto Sicurezza la cosiddetta norma Willy. Di cosa si tratta? Dell’inasprimento della pena in caso di reato di rissa e del Daspo dai locali pubblici per chi ha una fedina penale macchiata da episodi di violenza nei pressi di locali pubblici. La norma arriva dopo l’uccisione, a Colleferro, del giovane Willy Monteiro Duarte, ucciso durante una rissa nella notte tra il 5 e il 6 settembre.

LEGGI ANCHE: Omicidio Willy Monteiro Duarte, i fratelli Bianchi: “Non lo abbiamo toccato”

Cosa cambierà con la norma Willy

Come già detto, con la norma Willy aumentano le pene per chi partecipa a risse fuori dai locali pubblici. Entrando nel vivo dei cambiamenti, facciamo presente che le multe passeranno da 309 euro a 2000. Per quanto riguarda invece la reclusione, l’attuale range compreso dai 3 mesi ai 5 anni aumenterà passando da un minimo di 6 mesi a un massimo di 6 anni.

Inoltre, come sopra specificato, per chi provoca risse potrà essere previsto un Daspo, disposto dal questore, dai locali pubblici. In caso di violazione, si va incontro a una multa di 20mila euro e alla reclusione fino a due anni.

Il commento del legale della famiglia

Domenico Marzi, legale della famiglia Monteiro Duarte, ha detto la sua in merito affermando che, a suo avviso, legiferare in situazione di emergenza non è l’idea giusta. Secondo il unto di vista dell’avvocato di Willy, l’optimum sarebbe ottimizzare la vigilanza presso palestre e scuole e mettere in primo piano la certezza della pena.

LEGGI ANCHE: Ha 70 anni e sembra una ragazzina: ecco come si tiene in forma