Notre-Dame di Parigi, l’annuncio: “La struttura è salva” ma non è certo che la Cattedrale si salvi

Due terzi del tetto di Notre-Dame sono andati distrutti. Macron ha promesso la ricostruzione.

Notre Dame di Parigi
Foto: GEOFFROY VAN DER HASSELT/AFP

Centinaia di vigili del fuoco sono in azione per cercare di spegnare le fiamme che stanno devastando la cattedrale di Notre-Dame di Parigi.

L’incendio si è sviluppato alle 18.50 di lunedì 15 aprile e il fuoco ha già causato il crollo della volta e della guglia.

Tuttavia, il comandante dei vigili del fuoco di Parigi, Jean-Claude Gallet, ha annunciato che la struttura di uno degli edifici religiosi più famosi e visitati del mondo “è stata salvata, conservata nella sua interezza” anche se “due terzi del tetto di Notre-Dame sono andati distrutti“.

Ma il sottosegretario all’interno Laurent Nunez, parlando con i giornalisti nei pressi della cattedrale in fiamme, ha affermato: “Non è certo che Notre-Dame si salvi“.

Notre Dame di Parigi

Grazie all’intervento dei pompieri, comunque, sono state tratte in salva la corona di spine e la tunica di San Luigi, mentre ci sono ancora poche informazioni sulle condizioni delle cornici, della volta, delle finestre e delle opere d’arte presenti nella Cattedrale.

Il presidente della Repubblica, Emmanuel Macron, che ha rinviato a domani un discorso che doveva tenere alla Nazione, si trova sul posto insieme al primo ministro, Edouard Philippe.

Macron ha detto: “Faremo appello ai più grandi talenti e ricostruiremo Notre-Dame, perché è quello che si aspettano i francesi, perché è quello che la nostra storia merita“.

Subito dopo l’incendio, l’ufficio del Pubblico Ministero di Parigi ha aperto un’inchiesta per “distruzione involontaria per incendio“.

Leggi anche: la curiosa coincidenza delle 16 statue rimosse prima dell’incendio.

Seguici anche su News Republic. Scarica l’APP, è gratis: