Oltre 30 civiltà aliene nella nostra galassia: lo studio a supporto

È stato condotto dall’Università di Nottingham e pubblicato su The Astrophysical Journal.

La Via Lattea
La Via Lattea

I ricercatori parlano di oltre 30 civiltà aliene presenti nella nostra galassia. La Via Lattea potrebbe rivelarci che le opzioni per la nostra sopravvivenza futura sono meno di quelle che si potessero immaginare.

«Dovrebbero esserci almeno una dozzina di civiltà attive nella nostra Galassia con il presupposto che ci vogliono 5 miliardi di anni affinché la vita intelligente si formi su altri pianeti, come sulla Terra»: ha affermato Christopher Conselice dell’Università di Nottingham, attraverso una nota ufficiale.

E ancora: «L’idea è guardare all’evoluzione, ma su scala cosmica. Questo calcolo viene chiamato limite copernicano astrobiologico». Ce ne sono di due tipi: uno debole e uno forte. La ricerca in questione ha preso in considerazione quello forte, e ha ipotizzato che queste nuove specie si siano sviluppate in ambienti ricchi di metalli.

Christopher Conselice
Christopher Conselice

LEGGI ANCHE: India – Cina, scontro tra i due eserciti al confine: ci sono vittime

Anche per l’uomo è stato così. A determinare questo processo è il metallo presente nel sole. Studi del 2012 suggeriscono un’adeguata «minima metallizzazione stellare», necessaria per la formazione di pianeti simili alla Terra.

I ricercatori hanno studiato quanti nella Via Lattea possano soddisfare queste condizioni. Sarebbero oltre 30 le civiltà aliene presenti. Rivelarle, però, dipende dalla capacità di riuscire a captare i segnali inviati nello spazio.

Si parla di trasmissioni radio da satelliti e televisione. Se queste civiltà tecnologiche durano tanto quanto le nostre, che le hanno inviate nell’ultimo secolo circa, si stima che potrebbero esserci oltre 30 civiltà aliene nella nostra galassia ad oggi (36 per la precisione). Interagire sarebbe difficile. La distanza media sarebbe di 17 mila anni luce, il che rende la comunicazione molto impegnativa.

L’altro scenario possibile ci vede gli unici. Le altre civiltà, quindi, si estinguerebbero prima di poterle rilevare. «La ricerca di civiltà intelligenti extraterrestri non solo rivela l’esistenza di forme di vita, ma ci fornisce anche indizi su quanto durerà la nostra stessa civiltà»: ha aggiunto il professor Conselice.

E poi: «Se scopriamo che la vita intelligente è comune, ciò rivelerebbe che la nostra civiltà potrebbe esistere per molto più di qualche centinaio di anni, in alternativa se scopriamo che non ci sono civiltà attive nella nostra Galassia è un brutto segno anche per noi».

LEGGI ANCHE: Covid-19, il contagio può avvenire tramite le lacrime?