Omicidio don Roberto Malgesini, parla il tunisino: “Temevo il rimpatrio”

L’assassino del sacerdote ha confessato il movente del delitto.

L’assassino di don Roberto Malgesini «ha ammesso le proprie responsabilità in ordine all’omicidio e ne ha descritto dinamica e movente, quest’ultimo, allo stato, esclusivamente riconducibile al convincimento di essere una vittima di un complotto che ne avrebbe determinato il rimpatrio in Tunisia».

Lo ha scritto in una nota il procuratore della Repubblica di Como Nicola Piacente. «Non sono emersi – prosegue la nota – allo stato coinvolgimenti dell’indagato in percorsi di radicalizzazione. Sulla base degli elementi acquisiti, la Procura provvederà nelle prossime ore a formalizzare una richiesta di convalida dell’arresto per omicidio volontario». L’indagato è stato trasferito in carcere.

Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia, ha affermato: «Sono scioccata dall‘omicidio di don Roberto Malgesini a Como, sacerdote molto amato dai comaschi e da sempre al servizio dei piu’ poveri e degli ultimi. Alla famiglia, ai suoi cari e alla Chiesa locale il nostro cordoglio e vicinanza. Dalla stampa apprendiamo che l’assassino sarebbe un immigrato tunisino irregolare con precedenti penali per furto e rapina e sul quale pendeva un provvedimento di espulsione non eseguito. Se questa notizia dovesse essere confermata, saremmo davanti ad un fatto doppiamente grave. Ed è anche lo Stato che deve risponderne e risarcire la famiglia della vittima perché quel criminale non doveva essere lì. È un principio sacrosanto e che diventare legge. Lo chiediamo da anni ma nessuno ha voluto sostenerci in Parlamento. Torneremo a farlo, anche nel nome di don Roberto».

LEGGI ANCHE: Briatore dopo il Covid-19: “Non voglio minimizzare ma…”