Omicidio Elena Del Pozzo, la madre ha avuto un complice? Cosa sappiamo

Il dellito di Mascalucia

Elena Del Pozzo e Marina Patti.
Elena Del Pozzo e Marina Patti.

L’ipotesi che Martina Patti possa essere stata aiutata da qualcuno nell’omicidio della figlia Elena Del Pozzo, assassinata a Mascalucia con sette coltellate martedì scorso, è una pista che viene battuta “proprio per essere esclusa”.

Si tratta di un “atto dovuto”, come detto all’AGI da un investigatore dei carabinieri che sta indagando sul delitto avvenuto nelle campagne del Catanese, dove nei prossimi giorni arriveranno i carabinieri dei RIS (Reparto investigazioni speciali) per compiere indagini dettagliate dentro l’abitazione della donna al secondo piano dello stabile in cui vive la famiglia Patti.

Nel dettaglio, quest’appartamento è stato sequestrato e adesso si attende l’arrivo degli specialisti delle investigazioni scientifiche il cui coinvolgimento, essendo un atto irripetibile, necessita del tempo dovuto per coinvolgere tutte le parti del processo.

L’area in cui è stato trovato il corpo esamine della piccola Elena Del Pozzo non eè stato transennato – hanno spiegato i carabinieri di Catania – in quanto era già stata effettuata l’analisi dei luoghi anche con l’ausilio di un drone da parte dei carabinieri della sezione scientifica del comando provinciale di Catania.

Oggi il legale che difende Martina Patti, l’avvocato Gabriele Celesti, incontrerà in carcere la sua assistita dopo averla lasciata in caserma a piazza Verga a Catania la mattina dell’interrogatorio, durante il quale è  avvenuta l’ammissione di colpa della donna.

Sarà l’occasione per definire la strategia processuale in vista dell’udienza di convalida fissata dinanzi al gip del tribunale di Catania per domattina. Tra oggi pomeriggio e domani mattina verranno ultimati gli atti per il conferimento dell’incarico da affidare al medico legale che dovra’ effettuare l’autopsia. Sarà necessaria per chiarire alcuni aspetti.

LEGGI ANCHE: Uccide la moglie a coltellate e tenta la fuga.