Omicidio Luca Sacchi: sequestrato il cellulare di Anastasia

Ecco cosa stanno cercando gli inquirenti.

Gli inquirenti che indagano sull’omicidio di Luca Sacchi hanno proceduto al sequestro del cellulare di Anastasia Kylemnyk.

Lo scopo di chi indaga è analizzare i contatti che la ragazza ha avuto nelle ultime settimane, anche via chat, con l’obiettivo anche di risalire alla persona che ha fornito a lei e a Giovanni Princi, ‘il cosiddetto finanziatore’ il pregiudicato amico di Luca finito in carcere, i 70 mila euro che sarebbero serviti all’acquisto di 15 chili di droga.

LEGGI ANCHE: Omicidio Luca Sacchi: il padre della vittima: “Con Anastasia non ci sentiamo più”.

Luca Sacchi e la fidanzata Anastasia.

Infatti, gli inquirenti stanno cercando capire se la 25enne ucraina e Giovanni Princi – amico di Sacchi – abbiano messo insieme quella cifra da soli oppure se alle loro spalle ci sia stato un finanziatore occulto. Tra l’altro è stato sequestrato anche il cellulare di Princi.

LEGGI ANCHE: Omicidio Luca Sacchi: 5 misure cautelari, c’è anche Anastasia.

La quantità della somma presente nello zaino è stato anche appurato in un’intercettazione in cui Valerio Del Grosso, autore materiale dello sparo a Luca Sacchi, parlando con Marcello De Propolis la sera del 23 ottobre, ha affermato: «Sentime, a parte i scherzi, sto con un amico mio che conosci, bello fulminato! Ma se invece io vengo a prendeme quella cosa che mi hai detto ieri e glieli levo tutti e settanta? Vengo da te? te faccio un bel re?». E ancora: «Non puoi capire Marcé quanti sono…mi sta a partì la brocca di brutto».

LEGGI ANCHE: Arriva il freddo: 5 consigli per proteggersi dai malanni stagionali.