Orrore negli Usa: bimba di 6 anni rapita e uccisa dal vicino di casa

Faye Swetlik è stata trovata morta in un bosco.

Una bambina di sei anni, Faye Swetlik, è stata trovata morta giovedì scorso, 13 febbraio, a Cayce, negli Stati Uniti d’America, dopo essere scomparsa da tre giorni.

A toglierle la vita è stato il vicino di casa, «unico autore» del delitto, come svelato dagli investigatori ieri, martedì 18 febbraio.

Il coroner della contea di Lexington Margaret Fisher – il magistrato cui è affidato il compito di condurre inchieste sui casi di morte sospetta – ha rivelato che l’autopsia ha evidenziato che la morte della bambina è stata un omicidio e la causa del decesso è stata l’asfissia.

Faye, inoltre, è morta poche ore dopo il rapimento da parte del vicino 30enne Coty Taylor che, poi, si è tolto la vita.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, perché sembra risparmiare i bambini?

«La perdita di Faye, una bambina innocente, che stava semplicemente giocando nel suo cortile è stata molto difficile per tutti noi», ha detto Fisher, come riportato su Fox News.

Il corpo della bambina è stato ritrovato in una zona boscosa nel suo quartiere. I funzionari non hanno rilasciato alcuna informazione sulle condizioni del cadavere per rispetto della sua famiglia.

Si è appreso che la piccola è scesa da uno scuolabus ed è stata vista l’ultima volta giocare il 10 febbraio. Più di 200 agenti di Polizia hanno cercato Faye per tre giorni, bussando alle porte e organizzando blocchi stradali.

Il direttore del dipartimento di pubblica sicurezza di Cayce, Byron Snellgrove, ha rivelato che gli investigatori hanno trovato uno stivale a pois per bambini e un mestolo sporco nella spazzatura di Taylor giovedì scorso. Una prova che ha portato la polizia a trovare il corpo della bambina e, poco tempo dopo, è stato rinvenuto quello del vicino, in casa sua. Coty Taylor si è ucciso con un taglio al collo.

LEGGI ANCHE: Flavia, 11 anni: “Cara bulla, non spegnerai la mia voglia di vivere”.