Orrore a Torino. Uno la deruba in casa, l’altro la stupra

violenza-sessuale

Era l’agosto 2016 quando una 25enne, residente nella zona di Barca, quartiere di Torino, fu vittima di un orrore.

Come si apprende da TorinoToday, mentre uno svaligiava il suo appartamento, sottraendole denaro e averi per un totale di appena 400 euro, un altro l’ha costretta a un rapporto orale in modo così violenta da rischiare di restare soffocata.

La vicenda è stata resa nota solo oggi perché martedì scorso, 7 novembre, si è aperto il processo contro i due ladri, entrambi albanesi, e al complice che aveva indicato l’appartamento della vittima, anche se non ha preso parte materialmente alla rapina

Contro i due albanesi c’è l’accusa di concorso in violenza sessuale aggravata e di rapina.

La sentenza sarà pronunciata dal GUP Rosanna La Rossa probabilmente a gennaio.

Gli investigatori sono riusciti a risalire ai due grazie al DNA.

Sono stati, quindi, individuati e arrestati qualche tempo dopo la vicenda, nonostante per tutto il tempo abbiano indossato dei passamontagna.