Pace fatta tra i fratelli Gabriele e Silvio Muccino

Il regista Gabriele ha ritirato la querela contro il fratello Silvio.

Fratelli contro che forse si riavvicinano. Quella dei Muccino, Gabriele e Silvio, all’inizio era una storia d’amore parentale, con Silvio protagonista dei film del fratello. Ma quando poi si cresce tutto cambia. E spesso le strade si dividono. E ancora più spesso tra fratelli si litiga. In certi casi in modo esagerato. Al punto di arrivare in tribunale in questo caso, toccando il rinvio a giudizio. Ma poi scatta la pietà. La voglia di riaggiustare quel filo che si è spezzato. E forse questa volta tra i due tornerà quella pace che finalmente dopo tanti anni è necessaria.

Pace fatta (almeno nella battaglia legale) tra Gabriele e Silvio Muccino. Il regista e autore cinematografico ha deciso di ritirare la querela nei confronti del fratello minore. E così il giudice monocratico del tribunale di Roma ha definitivamente conclusa la vicenda.

Nei mesi scorsi – si ricorda – Silvio era stato rinviato a giudizio per diffamazione. Oggetto della querelle era quanto riferito dal giovane attore e autore durante una trasmissione televisiva nell’aprile del 2016. In particolare Silvio aveva accusato Gabriele di aver picchiato l’ex moglie Elena Majoni, descrivendolo quindi come una persona violenta e sostenendo che nel 2012 avesse colpito con uno schiaffo la donna, perforandole il timpano.

Il penalista Carlo Longari, che ha rappresentato Gabriele Muccino, ha spiegato: «il mio assistito ha deciso di ritirare la querela. Si è comportato da fratello maggiore chiudendo una vicenda che lo aveva molto ferito». L’avvocato Michele Montesoro, che ha difeso silvio muccino, ha detto: «la brutta lite tra fratelli è stata composta. Adesso potranno continuare la loro professione senza dover comparire in tribunale».

La vicenda è anche continuata in Rete sui social network. «Oggi ho ritirato la querela contro mio fratello Silvio per diffamazione. Mi interessava che un giudice, con tutti i documenti alla mano, lo rinviasse a giudizio. E questo è accaduto. Non mi interessa la sua condanna. Chiudo così questa parentesi triste e insensata». Così su Twitter il regista Gabriele Muccino ha spiegato le ragioni che lo hanno portato a chiudere la querelle giudiziaria con il fratello Silvio.

Cosa è stato? Un gesto di magnanimo? Quel che è certo è che entrambi i fratelli in questi giorni stanno lavorando tantissimo. Gabriele, come regista, è stato assunto per girare una serie di spot televisivi per importanti aziende. Silvio, invece, ha ricominciato, dopo un periodo di fermo, dovuto, si dice, alla depressione, è tornato a fare l’attore. Al punto che presenterà il suo prossimo film al Festival di Sanremo.

Vedremo se pace è realmente fatta.