Padova, corre senza mascherina: pestato a sangue

È successo a un ingegnere di Sant’Agostino di Albignasego.

runner
Immagine di repertorio

Il protagonista di questa storia viene sorpreso per strada insieme al cagnolino. Corre senza mascherina e non gli viene perdonato. Viene aggredito e picchiato da due uomini, colpevole di non avere rispettato le regole. «C’è un clima da caccia alle streghe»: ha raccontato l’ingegnere che è finito in ospedale per i traumi riportati. L’ingegnere di 50 anni ha il viso tumefatto e una frattura al setto nasale.

«Stavo facendo una corsa in tenuta sportiva, avevo una felpa intorno al collo pronto ad alzarla sul viso se avessi incrociato qualcuno. In linea d’aria ero a un centinaio di metri da casa. Non c’era anima viva, ero solo con il mio cagnolino»: ha precisato.

picchiato perché senza mascherina
L’uomo aggredito perché senza mascherina

LEGGI ANCHE: Si finge infermiere a un posto di blocco ma lo racconta sui social: denunciato (VIDEO)

Non nota, però, due uomini dall’altra parte della strada, padre e figlio. Iniziano a minacciarlo e insultarlo perché corre senza mascherina. Il suo cagnolino, poi, si sarebbe fermato, spingendo il proprietario a fare altrettanto.

Decide di rispondere alle accuse, dice che non devono permettersi di aggredirlo verbalmente e fa notare loro che sono senza guanti. Questa risposta non viene gradita e la situazione degenera. Padre e figlio attraversano la strada e lo picchiano. In barba ai potenziali pericoli che avvicinarsi e ‘toccare’ senza protezioni una terza persona possa implicare, altro che distanziamento sociale di almeno un metro.

La domanda che sorge spontanea, al di là delle mancanze da entrambe le parti durante un periodo di emergenza sanitaria (mascherina da un lato e guanti dall’altro), è una: chi è che ha il diritto di vigilare e di agire contro chi non rispetta le regole? È corretto farsi giustizia da sé e in questo modo?

Non sarebbe stato meglio, forse, dimostrare un po’ di buon senso ed eventualmente denunciare l’uomo alle forze dell’ordine, magari dopo un esame di coscienza e la consapevolezza che le mancanze non erano solo da un lato della strada?

LEGGI ANCHE: Covid-19, il ministro Speranza: “La battaglia non è vinta”