Pamela Prati torna all’attacco: “Curatevi la cattiveria”

Ad una settimana dalle nozze con Marco Caltagirone, i media sollevano altri dubbi. E lei ribatte così.

Sui media c’è fermento: fra una settimana Pamela Prati sposerà Marco Caltagirone e i dubbi si infittiscono.

Partiamo dalle partecipazioni. La showgirl tempo fa (quando il suo profilo instagram era ancora pubblico) le aveva pubblicate, ma Cristiano Malgioglio che è stato invitato ufficialmente per telefono dalla futura sposa si lamenta di non aver ancora ricevuto nulla.

Ci sono problemi con la location. Secondo quanto affermato da una delle manager, Eliana Michelazzo, nel salotto di ‘Live – Non è la D’Urso’, la location sarebbe stata spostata perché quella originaria ‘per vergogna’ ha restituito l’assegno che aveva versato direttamente Marco Caltagirone. Un cambio effettuato (e sembrerebbe perfettamente riuscito) in pochissimi giorni.

Poi c’è la data. Una telefonata (non si sa da parte di chi) arrivata a Manuela Villa dietro le quinte della puntata del talk della D’Urso avrebbe affermato che le nozze sono state rimandate a data da destinarsi. Notizia prontamente smentita dalla stessa Michelazzo che ha confermato in studio che le nozze (per quanto ne sappia lei) si faranno l’8 maggio.

Pamela-Prati

Infine c’è Alfonso Signorini. Al ‘Maurizio Costanzo Show’ aveva raccontato di essere stato sentimentalmente raggirato da Pamela Perricciolo (manager della Prati). E aveva anche detto: “Non nego che l’8 maggio si sposerà. Un prestanome che si faccia chiamare Marco Caltagirone lo troverà facilmente, basta pagare. Controllate i documenti”.

Da parte della diretta interessata, invece, sarebbe arrivata una stoccata ai suoi ‘falsi amici’.
Curatevi la cattiveria. Trovo vergognoso – avrebbe scritto in una instagram story che qualcuno sarebbe riuscito a visualizzare nonostante l’account non sia visibile – che tutti vogliano essere protagonisti della mia storia parlando a vanvera e fingendosi amici”.

Leggi anche: Pamela Prati sparisce da Instagram e Simona Ventura rivela: “Dovevo farle da testimone”.

Seguici anche su Google News: