Pan di Spagna sofficissimo: la ricetta per non farlo sgonfiare

La ricetta per preparare un soffice pan di spagna senza che si sgonfi miseramente lasciandoti con l’amaro in bocca

ricetta Pan di spagna
ricetta Pan di spagna

Chi non ha mai provato almeno una volta nella vita a realizzare il Pan di Spagna?

Se vi siete mai cimentati nella sua realizzazione avrete sicuramente incontrato non poche difficoltà, soprattutto le prime volte. Mille versioni esistono sul web e la maggior parte dà per scontato quanto sia semplice prepararlo. Ma, ogni volta che vi siete cimentati in quest’avventura, proprio sul finire della cottura, avete visto i vostri sogni infrangersi a causa del rapido sgonfiamento dell’ impasto.

Eppure, avete rispettato tutti i passaggi con meticolosa attenzione: prima separando i tuorli dagli albumi, poi setacciando la farina, sperimentando forno statico e forno ventilato… ma nulla di tutto ciò ha portato esito positivo!

Ma non temete. Con la nostra versione, realizzare l’impasto per il pan di spagna sarà un gioco da ragazzi.

Pan di spagna soffice
Pan di spagna soffice

Armatevi di fruste e di tanta pazienza.

Vale la regola base: 1x30x30, ovvero per 1 uovo, 30 gr di zucchero e 30 gr di farina.

Nella nostra ricetta, la farina è mescolata all’amido di mais.

Ingredienti (per una tortiera da 26 cm di diametro):

  • 4 uova;
  • 120 gr di zucchero;
  • 120 gr di farina / maizena (60 gr di una e 60 gr dell’altra);
  • 1 pizzico di sale;
  • 1 bustina di lievito;
  • buccia grattugiata di un limone.

Montate le uova con lo zucchero per 20 minuti circa. Il composto deve risultare ben denso e il doppio del suo volume.

Aggiungete durante la lavorazione, la buccia del limone e un pizzico di sale.

Nel frattempo, setacciate per 2 volte le polveri, dunque la farina, la maizena e il lievito e preparate lo stampo. Imburratelo e spolverizzate un po’ di farina, poi sbattetelo per bene per togliere l’eccesso. Noi, a volte, usiamo anche semplicemente la carta forno.

Passati i minuti di lavorazione, dovreste aver ottenuto un impasto “scrivente”, ovvero ve ne accorgete lasciandolo cadere “a filo” dalla frusta; se questo resta in superficie e non affonda subito (come se lasciasse una scritta, appunto) vuol dire che ha incamerato abbastanza aria ed è pronto per il passaggio successivo.

Eh, adesso viene il bello!!

Sappiamo per certo che la ricetta originale non prevede il lievito e vuole che le polveri vengano incorporate con un cucchiaio di legno dal basso verso l’alto, facendo attenzione che l’impasto non si smonti ma…

Noi, invece, lo abbiamo mescolato alle farine, per una maggiore sicurezza, e versato nell’impasto riducendo al minimo la velocità delle fruste.

Un passaggio rapido e indolore che ci garantisce l’eliminazione dei possibili grumi.

Fatto ciò, versate il tutto nello stampo e livellatelo con delicatezza per avere una base uniforme.

Infornate a 170° a forno statico per circa 40 minuti e NON APRITE PER NESSUNA RAGIONE IL FORNO, se non volete un frisbee da lanciare ai vostri cani.

pan di spagna in forno
Pan di spagna in forno

Al termine della cottura, quando il pan di Spagna si sarà staccato dai bordi della teglia, fate la prova stecchino. Se risulta asciutto, potete spegnere e aprire leggermente il forno. Non toglietelo subito ma attendete circa 10 minuti prima di uscire lo stampo così da evitare lo sbalzo termico.

Il risultato finale sarà eccellente, credeteci e finalmente potete vantarvi della sua facile realizzazione.

LEGGI ANCHE: Chips di verdure al forno: la ricetta facile per le patate fatte in casa