Paola Caruso contro l’ex e Raffaella Fico: ecco cos’ha detto

La Caruso non perdona all’ex di non aver ancora visto il figlio.

Paola Caruso è ritornata sul nuovo amore dell’ex compagno Francesco Caserta, ovvero Raffaella Fico. E lo ha fatto dalle pagine del settimanale ‘Spy’ non risparmiando parole poco lusinghiere per entrambi. A partire dall’ex reo di non aver mai voluto vedere il figlio che oggi ha cinque mesi.

Non vedo il mio ex – ha detto – ufficialmente dallo scorso 31 luglio. L’ho incontrato per caso tempo fa, e prima di questa storia con la Fico, in un ristorante di sushi milanese. Era con una ragazza. L’ho supplicato di venire fuori e parlarmi. Gli ho detto che non era possibile che non avesse mai visto suo figlio, il nostro Michelino. Mai una volta in cinque mesi da quando è nato. Ma come si fa? Quella sera gli ho detto anche: ‘Mettiamo da parte gli avvocati. Troviamo un accordo tra noi due per il bene di tutti, ma soprattutto vieni a vedere tuo figlio’. Lui mi ha promesso che lo avrebbe fatto e invece… Mai visto. Da quel momento tutto è tornato in mano legali. Vorrà dire che discuteremo in tribunale. Che pena, però, che tristezza. Sono davvero amareggiata”.

Raffaella Fico e Mario Balotelli: è finalmente tregua per amore di Pia

E poi Paola Caruso ha lanciato una invettiva proprio contro la Fico.

Come può lei – ha detto – proprio lei, che è mamma, che ha avuto una marea di problemi con il suo ex (Mario Balotelli, ndr), che avrà sofferto come me, da star male, da impazzire. Come può uscire con un ragazzo che non vede suo figlio? Un minimo di rispetto, un minimo di cuore! Non è giusto. Forse pensa di aver fatto colpo? O il colpaccio? O forse era in astinenza da popolarità? Non credo possa essere amore. Lui sui social ci prova con tutte.  Credo sia vergognoso da parte di lei accettare una cosa simile. Questa storia, la mia storia nasconde altre sorprese, tristi sorprese. Ma ci sarà il tempo per raccontare tutto. Oggi lascio spazio alla tristezza”.

I mirtilli rossi fanno benissimo alla salute delle donne, ecco perché