Paolo Jannacci: età, carriera, Festival di Sanremo 2020, Instagram

Paolo, il figlio di Enzo Jannacci arriva al Festival di Sanremo ma non è affatto un ‘raccomandato’.

Paolo Jannacci. Paolino per gli amici. Il figlio del mitico Enzo, ma anche un autore non da poco. Che abbiamo visto crescere anno dopo anno, un po’ come se fosse il fratello o il figlio di tutti noi.

Perché quando è morto suo padre, da nord a sud, abbiamo provato un dolore intenso, come se fosse morto nostro papà o il nonno che tutti noi avremmo voluto.

Oggi Paolo è decisamente cresciuto e a 47 anni prende una pesante eredità da cantautore e la porta al Festival di Sanremo con le sue parole. Già, perché Paolo dal famoso papà – che sulla carta era un medico, ma in realtà è stato uno dei più grandi performer del sorriso italiano – ha assorbito tutta la verve e l’allegria e la porterà all’Ariston cantando Voglio parlarti adesso.

Un brano già ascoltato dagli adetti ai lavori e l’hanno definita una ninna nanna pop, scritta per una figlia che prima o poi diventerà grande «non sarò mai pronto a dirti sì ma tuo padre sarà sempre qui». Un brano dove il piano fa da padrone ma che con l’orchestra incorporata potrebbe davvero spaccare alla grande. Colpirà il cuore. Sostengono i critici musicali bravi.

Molti sostengono di non conoscere Paolo. In realtà è un autore di cui direttamente o indirettamente abbiamo comprato i dischi. Le sue melodie le abbiamo poi ascoltate in decine e decine di fiction televisive e film italiani famosi. Ha poi lavorato, oltre che per il padre, per Jax, Fedez e gli 883.  E per quelli che lo definiscono ‘un raccomandato’ bisogna ricordare che ha vinto anche tre premi Tenco. Una cosa certamente non da tutti.

Per Paolo sarà bella anche la sensazione di affrontare il Festival da un altro punto di vista, visto che lui lì è stato anche maestro d’orchestra per il papà e per Pacifico.

Immaginiamo tutti le emozioni che proverà su quel palco, che il padre Enzo ha toccato poche volte, ma dove ha portato il sorriso. Lui non sarà lì in nome del padre, ma del nonno. Di sua figlia. E con il suo spirito ci farà piangere, ci farà ridere. Ci renderà umani.

Paolo ha anche un profilo Instagram da 8.800 follower.