Quando la pasta è buona? Come si capisce? I trucchi

Alcune curiosità sull’alimento più amato d’Italia.

Pasta, pasta e ancora pasta. Amata da chi la mangia e odiata da chi è nemica dei carboidrati, la pasta è elemento base della nostra dieta mediterranea. Capace di dare grandi energie, ma anche di accumularsi, quando si esagera, nel nostro tessuto adiposo.

Fa male? Fa ingrassare? Non fa male? Basta eliminare il condimento? Sulla pasta se ne dicono tante e di tutti i colori e probabilmente una idea o un risultato scientifico non c’è. Quel che è certo è che in Italia, con il nostro grano duro, siamo quelli che riescono a farla meglio e con i migliori condimenti.

Chi resisterebbe a una pasta alla norma fatta bene? O a una carbonara? O a un pesto alla genovese? O alla pasta al forno. La pasta è pure buona semplice con il burro. Solo a penare alla pasta viene l’acquolina in bocca, perché è un esempio di italianità vincente e di un pasto sano, sempre, lo ripeteremo all’infinito, senza esagerare.

Ma come possiamo capire se la nostra pasta è buona? I trucchi sono semplici. Il colore deve essere anzitutto giallo intenso. E omogeneo. Se si spezza, nel caso di spaghetti, devono fare un suono unico e secco. La pasta deve poi reggere la cottura, che in genere è scritta sulla confezione, anche se ognuno poi ragiona a occhio. E poi c’è il condimento, che è il matrimonio della pasta, che deve sapere accompagnare il tutto.

LEGGI ANCHE: Renzo Arbore e la TV di oggi: “Ci vogliono trasmissioni più leggere”.

E, dobbiamo ricordarlo, la pasta va anche protetta. Perché il sole e gli insettini della farina incombono. E della pasta sono ghiotti. E se talvolta intorno alla nostra dispensa girano delle farfalline, la soluzione è solo una: gettarla via e arrendersi.

E la pasta sarà una delle costanti che accompagnerà la nuova edizione di Masterchef, che vedrà, dopo le prime selezioni, partire ufficialmente la gara, quella vera, quella seria, con i suoi ospiti stellati. Ospiti della prossima puntata saranno Daniele Usai, Gianpaolo Raschi, Terry Giacomello e Iginio Massari. I primi tre sono chef stellati che proprio della pasta hanno fatto una base del loro menù.

La presenza di Iginio Massari, forse l’ospite più ripetitivo e amato del programma, comporta che saranno fatti anche dei dolci. E tutti conoscono quanto può essere distruttivo un parere di Massari. Intanto, sappiamo che la puntata che vedrà protagonista i venti aspiranti chef sarà il mare. Spazio quindi a piatti a base di pesce, dove probabilmente a dominare sarà lo spaghetto. E che vinca il migliore.

LEGGI ANCHE: Raffaella Fico e la foto da urlo per cominciare il 2020.