Pasta con i tenerumi: dalla Sicilia con furore, la ricetta

Un piatto tipico della tradizione culinaria dell’Isola, a metà tra un primo e una minestra

pasta tenerumi
Credits: La Cucina Italiana

Ladies and gentleman, signore e signori, direttamente dalla tradizione della cucina siciliana ecco un piatto che rappresenta un mix tra un primo in piena regola e una minestra, caldo (ma si può gustare anche freddo) eppure caratteristico dell’estate culinaria in terra di Trinacria: stiamo parlando della pasta con i tenerumi.

Si tratta di una pietanza dal sapore molto intenso, gustoso, in cui a farla da padrone è la zucchina lunga (detta anche zucca di serpente o, nell’idioma siculo, cucuzza) insieme alle sue foglie larghe dal colore verde scuro, i tenerumi appunto. Questi gli ingredienti che non possono mancare:

  • 250 g di spaghetti (o spaghettini) spezzati;
  • Mezza zucchina lunga;
  • Sei/sette rami di tenerumi;
  • Tre pomodori pelati;
  •  1/2 spicchio d’aglio;
  • Olio extravergine di oliva q.b.;
  • Sale e pepe;
  • Una patata o della ricotta salata (facoltativi).

Fondamentale per la buona riuscita della pasta con i tenerumi è il cosiddetto ‘picchi pacchi’, una salsa a base di pomodoro che donerà ulteriore sapore al piatto. Per prepararlo servono mezzo spicchio d’aglio in olio extravergine di oliva a cui bisogna unire tre pomodori pelati, possibilmente tagliati a pezzetti, e una punta di sale. Creata questa amalgama, bisogna cuocere a fuoco lento per fare restringere la salsa.

pasta tenerumi
Credits: Palermo Food

LEGGI ANCHE: Crostata di fichi, un dolce estivo delizioso e d’effetto: la ricetta

Dopodiché scegliamo le foglie di tenerumi più fresche, laviamole e tagliamole a listarelle. Mettiamo a cuocere i tenerumi in acqua salata, aggiungendo anche la zucchina a pezzi (e, seguendo una variante dell’entroterra palermitano, anche una patata) per una decina di minuti.

Quindi spezziamo in più segmenti gli spaghetti, e facciamoli cuocere insieme ai tenerumi. Al termine della cottura, va versato il ‘picchi pacchi’. Quindi serviamo, decidendo se consumare il piatto caldo o freddo. Non comune, ma possibile, anche la possibilità di aggiungere della ricotta salata prima di cominciare a gustare la pasta con i tenerumi. Buon appetito